Quotidiani locali

la protesta

Cori antifascisti alla conferenza sulle foibe

Contestazione e striscioni all’incontro organizzato in sala Nassirya da rappresentanti di Fratelli d'Italia

PADOVA. Cori e striscioni antifascisti da un lato, caschi blu della polizia dall'altro. Nel mezzo l'entrata della sala Caduti Nassirya con all'interno una quindicina di persone che attendevano l'inizio della conferenza e la proiezione del trailer di un film sui martiri delle foibe organizzata da Fratelli d'Italia.

Questo era mercoledì alle 20.30 il sottoportico che da piazza dei Signori porta a piazza Capitaniato. Una quindicina di militanti del gruppo "Padova Antifascista" per buoni trenta minuti hanno boicottato l'inizio dell'incontro. Si sono opposti con uno striscione di denuncia "Morte al fascismo. Libertà ai popoli. Zivel Tito" corredato dalla classica falce e martello.

«E' una vergogna che una sala del Comune venga concessa per un'iniziativa fascista», ha spiegato una ragazza che ha preso parto alla protesta. «La nostra costituzione è antifascista e incontri del genere non dovrebbero essere permessi, a maggior ragione oggi, dopo quello che è successo a Macerata, dove un pazzo fascista si è accanito contro tutti gli immigrati che ha incontrato», ha continuato agguerrita la giovane.

«Qui si getta fango sui partigiani e gli jugoslavi, descrivendoli come assassini. Non si dice invece che gli italiani per anni hanno occupato la Jugoslavia». E poi secondo i contestatori ci sarebbe il problema delle autorizzazioni: «A parte che hanno sbagliato anche a scrivere il nome del regista di Rosso d'Istria, il film di cui stanno proiettando il trailer, non è Antonello Belluco ma Maximiliano Hernando Bruno, ma poi la stessa produzione è intervenuta nella pagina Facebook dell'evento sottolineando che la proiezione al pubblico di materiali video e musicali coperti da copyright, deve essere autorizzata dai detentori dei diritti».

Insomma motivi per protestare ce n'erano secondo i militanti di "Padova Antifascista", che non se ne sono andati prima delle 21.10, di fatto ritardando di una buona mezz'ora l'inizio dell'evento. Una volta andati via all'interno della sala comunale hanno potuto cominciare la loro conferenza Adriana Ivanov dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia, Raffaele Zanon, dirigente nazionale di Fratelli d'Italia

e Massimiliano Barison, consigliere regionale di Fratelli d'Italia.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon