Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Lanciano petardi, tettoie in fiamme

Roghi domati a Galliera e Campo S. Martino, cassonetto incendiato a Camposampiero

GALLIERA VENETA. Notte letteralmente di fuoco per i pompieri, i botti di Capodanno fanno danni ed il fatto più grave si verifica a Galliera, con gli uomini del 115 costretti a intervenire a causa di una tettoia In fiamme. I vigili del fuoco sono dovuti entrare in azione pure a Busiago e a Camposampiero. La notte di San Silvestro ha imposto un lavoro extra, l’incidente di maggior rilievo si è verificato in via Jacopo da Bassano a Galliera: neanche il tempo di brindare e pochi minuti dopo la ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

GALLIERA VENETA. Notte letteralmente di fuoco per i pompieri, i botti di Capodanno fanno danni ed il fatto più grave si verifica a Galliera, con gli uomini del 115 costretti a intervenire a causa di una tettoia In fiamme. I vigili del fuoco sono dovuti entrare in azione pure a Busiago e a Camposampiero. La notte di San Silvestro ha imposto un lavoro extra, l’incidente di maggior rilievo si è verificato in via Jacopo da Bassano a Galliera: neanche il tempo di brindare e pochi minuti dopo la mezzanotte è arrivata la chiamata d’allarme perché una pensilina stava andando a fuoco. Sul posto insieme ai vigili si sono precipitati anche i carabinieri. I pompieri hanno lavorato fino alla 2.10 per domare il rogo nel quale, fortunatamente, non è rimasto ferito nessuno. Secondo le prime ricostruzioni svolte dalle forze dell’ordine, la scintilla sarebbe stata provocata o da una lanterna cinese messa in volo nei paraggi o da un petardo di una certa consistenza. Il lapillo sarebbe finito sul tetto in plexiglas della struttura - staccata dall’abitazione principale - scatenando l’incendio che è andato ad estendersi sulla parte in legno. Prima dell’opera risolutiva del 115 alcuni travi in legno sono finiti bruciati. La proprietaria non si trovava in casa e - avvisata dai parenti - è corsa a verificare la situazione e l’ammontare complessivo dei danni. Per i pompieri si è trattata tuttavia dell’ultima tappa di una notte fin troppo scoppiettante e dall’alto tasso di imprudenza e vandalismo: alle 22.30 sono stati sollecitati perché un cassonetto di rifiuti non riciclabili stava bruciando in via Robert Baden Powell a Camposampiero; secondo le testimonianze raccolte sarebbero stati visti quattro giovanissimi fuggire e allontanarsi dal cassonetto, con ogni probabilità si erano divertiti a buttare dei petardi senza valutare le conseguenze pericolose; dieci minuti prima dell’inizio del nuovo anno, invece, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire in via Busiago, a Marsango, frazione di Campo San Martino. Anche in questo caso una tettoia stava andando a fuoco per qualche botto indirizzato male. In pochi minuti l’incendio è stato spento.

Silvia Bergamin