Quotidiani locali

Vai alla pagina su Vaccini

Nascono 10 scuole “a casa” contro i vaccini obbligatori

Report del Csv sul volontariato padovano. «Nate in seguito alle nuove norme». In provincia 70mila persone aiutano gli altri: 84 nuove associazioni nel 2017

PADOVA. Un esercito di 70mila padovani ogni giorno ha un obiettivo: fare volontariato, gratuitamente e con ostinato altruismo. Sabato 2 dicembre, dalle 9 alle 13, nell’Agorà del San Gaetano in occasione della “Giornata internazionale del volontariato”, il Centro servizi volontariato (Csv) organizza una mattinata di riflessione, confronto e festa per le realtà che quotidianamente s’impegnano a favore degli altri.

A scuola vaccinati: le regole da seguire In un video di due minuti l'Ausl di Modena ha sintetizzato le regole da seguire sugli obblighi vaccinali, che andranno rispettati per poter accedere alle scuole. Ora è possibile scaricare il certificato vaccinale anche da internet. Leggi l'articolo


Oltre a un report che mappa il mondo del volontariato padovano, quest’anno un focus speciale è dedicato alle “nuove forme di prossimità”. Tre i fenomeni sotto la lente d’ingrandimento del Csv: «Abbiamo intercettato», riferisce il presidente Emanuele Alecci, «10 scuole materne ed elementari parentali nate anche a seguito della normativa sui vaccini. Sono distribuite nell’hinterland padovano, sono difficili da codificare, ma rientrano nella legge per cui i bambini sono istruiti a casa e poi (ogni anno o a fine ciclo scolastico) fanno gli esami per equiparare la preparazione con le scuole pubbliche e private. L’interesse delle famiglie no-vax è forte, al momento non siamo in grado di dire se hanno intenzione di formare delle loro scuole parentali o si appoggiano a realtà già esistenti, che propongono metodi alternativi di scuola».

Vaccini a scuola, dubbi (e risposte) per i genitori Cosa prevede la legge che rende obbligatori i vaccini per l'ingresso a scuola? Cosa succede ai bambini non vaccinati? Come attestare l'esenzione per malattia? Sono tante le domande dei genitori da quando per legge dieci vaccini sono diventati obbligatori per l'ingresso a nido e scuola: eccone qualcuna, con le risposte (a cura di Cinzia Lucchelli)

«La seconda novità sono i Gas: Gruppi di acquisto solidale. Sono 17, dieci in città e sette in provincia. È il primo anno che monitoriamo e mappiamo queste realtà. Alla base c’è sempre maggiore attenzione ai temi della povertà: disoccupati, licenziati, separati. Tuttavia questi gruppi testimonino anche una filosofia di vita più responsabile e attenta a quello che mangiamo e a come viene prodotto. Infine ci sono gli anziani che aiutano gli anziani: sono gruppi che nascono per lo più in parrocchia e sono aiuti locali concreti. Desideriamo aiutarli a strutturarsi».

Copertura vaccinale e immunità di gregge, cosa c'è da sapere In Italia dal 2013 è in corso un calo della copertura vaccinale. I dati del 2016 lo confermano, mostrando un'inversione di tendenza solo per meningococco C e, lieve, per morbillo e rosolia. La sfiducia dei singoli nei confronti di questa arma di prevenzione nei confronti di malattie gravi e potenzialmente mortali ha delle conseguenze anche sulla collettività perchè mette a rischio chi i vaccini non può farli (di Cinzia Lucchelli)


Le 6.104 associazioni di angeli, contate dal Csv, spesso sopperiscono alle mancanze degli enti pubblici; sempre sono capaci di creare relazioni virtuose; incessantemente sognano un territorio “buono” dove le persone sanno tendere una mano. La città del Santo è leader in Veneto ed è fra le prime dieci città per numero di volontari e associazioni strutturate. Solo quest’anno sono 84 in più dell’anno scorso, a dimostrazione che la fiamma della solidarietà, qui, divampa. «I padovani continuano a dimostrarsi generosi», aggiunge Alecci, «anche se più oculati, basti pensare che per il 5x1000, 10 enti raccolgono il 50% delle donazioni mentre un 30% ricava meno di mille euro». In testa alle preferenze dei padovani la Città della Speranza (1.381.261 euro), il Cuamm (552. 892 euro), i frati minori conventuali (188.797).

Morbillo, pertosse, polio: malattie che ritornano Non solo morbillo (casi aumentati del 230% nei primi mesi del 2017). Anche altre malattie, per il calo delle vaccinazioni, rischiano di ritornare. Malattie quasi eradicate e per questo finite nel dimenticatoio delle paure dei genitori (a cura di Cinzia Lucchelli)


Unico neo le istituzioni pubbliche: «Le associazioni», scandisce il presidente, «hanno scarsi rapporti con gli enti pubblici, infatti meno di 1 su 4 hanno convenzioni. Il pubblico viene sentito come un aggravio burocratico e potrebbe prendere piede il germe dell’allontanamento. Le istituzioni devono essere più accoglienti, tanto più che i volontari sono una straordinaria risorsa quasi sempre gratuita». La giornata è anche un’occasione di festa che consegnerà i riconoscimenti del premio Gattamelata ai volontari Bruno Ghidini del Ceav, Giorgio Ronconi, operatore in carcere; all’Admo; Telefono Voce Amica di Firenze; Serming di Torino; al Banco Bpm di Milano; Fondazione di Comunità di Messina e la nostra Cooperativa sociale solidarietà; infine menzioni speciali ai padovani Fabio Salviato, già presidente di Banca Etica e l’infaticabile Maurizio Trabuio, direttore della Fondazione La Casa che ha creato l’housing sociale in città; e a Fraternità missionaria.


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon