Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il vitigno “friularo” è la vera celebrità

Bagnoli di Sopra ha poco più di 3.500 abitanti: una popolazione in costante flessione ormai da tempo, dopo aver toccato nel 1951 quasi seimila anime. Al capoluogo si affiancano le due frazioni di...

Bagnoli di Sopra ha poco più di 3.500 abitanti: una popolazione in costante flessione ormai da tempo, dopo aver toccato nel 1951 quasi seimila anime. Al capoluogo si affiancano le due frazioni di Olmo e di San Siro; centro quest’ultimo intitolato al santo omonimo, già vescovo di Padova, che secondo la tradizione sarebbe morto proprio in questo borgo.

Bagnoli è famosa in particolare per il vitigno “friularo” (nella foto) , che ormai da un secolo si vede assegnare prestigiosi riconoscimenti a l ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Bagnoli di Sopra ha poco più di 3.500 abitanti: una popolazione in costante flessione ormai da tempo, dopo aver toccato nel 1951 quasi seimila anime. Al capoluogo si affiancano le due frazioni di Olmo e di San Siro; centro quest’ultimo intitolato al santo omonimo, già vescovo di Padova, che secondo la tradizione sarebbe morto proprio in questo borgo.

Bagnoli è famosa in particolare per il vitigno “friularo” (nella foto) , che ormai da un secolo si vede assegnare prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale; tra le aziende del settore, va ricordato il Dominio, che gestisce tra l’altro le storiche cantine di villa Widmann; quest’ultima opera di Baldassarre Longhena, prestigioso architetto del Settecento cui si deve tra l’altro la basilica di Santa Maria della Salute a Venezia. A Bagnoli, per opera della Tenuta di Bagnoli della famiglia Musini, è stato inoltre realizzato il più importante centro agricolo privato italiano di produzione energia da fonti rinnovabili con un impianto a Biogas da 1 MW e uno Fotovoltaico da 1 MW. Oltre all'attività agricola è presente una zona industriale, artigianale e commerciale. (f.j.)