Quotidiani locali

Spot autonomista al varo del ponte sulla ciclopedonale

Piazzola, lo stato maggiore della Lega sbandiera il Leòn L’ex sindaco Marcon: «Una propaganda inqualificabile»  

PIAZZOLA SUL BRENTA. Un’inaugurazione su due ruote che ha già scatenato le polemiche quella del nuovo ponte sulla ciclo pedonale Ostiglia. La cerimonia istituzionale si è infatti trasformata in un gigantesco spot elettorale per Luca Zaia e per gli autonomisti che, ieri, si sono presentati all’appuntamento in bici, sventolando non il tricolore, come ci si sarebbe attesi, vista l’ufficialità dell’evento, ma il vessillo di San Marco, con la scritta «Autonomia subito ».

«È inaccettabile che si faccia propaganda», commentano increduli alcuni cittadini. «Che se ne vadano altrove a fare politica, non ad una inaugurazione pubblica». Ma i volti perplessi di alcuni dei partecipanti non hanno fermato la carovana di sindaci e politici che, da villa Contarini, è giunta fino al nuovo ponte. Luca Zaia, in posa davanti alla bandiera autonomista, in un’intervista chiosa: «Abbiamo voluto fare squadra per realizzare un’opera importante e strategica. Siamo qui tutti assieme senza distinzione di partito. Lo stesso vale per l’autonomia: dei veneti, non dei partiti. Con l’autonomia dei veneti si costruiscono ponti, con quella dei partiti si fanno danni. L’obiettivo è quello di creare un “Cammino di Santiago” del Veneto con un percorso ciclopedonale che colleghi capillarmente tutto il territorio». Gli fa eco il sindaco di Piazzola sul Brenta Enrico Zin: «È dal 2014 che lavoriamo per questo risultato che oggi è divenuto realtà».

Polemica la reazione di Renato Marcon, ex sindaco di Piazzola sul Brenta: «Quattro anni fa, all’inaugurazione del tratto padovano dell’Ostiglia, le uniche bandiere, oltre al tricolore, erano dedicate alla ciclabile. Questa doveva essere una festa popolare, è inqualificabile che si sia fatta propaganda». Il progetto della passerella sul Brenta che collega Curtarolo con Piazzola aggiunge un ulteriore tassello al completamento della ciclabile che da Treviso giunge a Mantova. Gli alunni delle scuole primarie di Campo San Martino e Pieve di Curtarolo
sono sembrati i più entusiasti della novità. Un milione e mezzo di euro, la spesa finanziata per un milione dalla Regione, 250. 000 dalla Provincia e altrettanti dalla Fondazione Cariparo, per una passerella di 138 metri costruita in tempi record.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista