Quotidiani locali

piove di sacco 

Picchia la consorte e va in carcere

Dopo l’ennesima aggressione la vittima ha chiamato il 112

PIOVE DI SACCO. «Mio marito mi sta picchiando e mi ha ferito al viso. Ho bisogno di aiuto». È questo il disperato messaggio di aiuto arrivato alle 2 di notte al 112. Dall’altra parte del telefono c’era una donna residente in un comune della Saccisica. Quando i militari del Radiomobile di Piove di Sacco sono arriva a casa sua, a pochi minuti dalla richiesta di soccorso, la donna era in preda a una crisi di pianto e con il volto coperto di lividi. Colpa del coniuge, un operaio quarantenne, che è finito in manette con l’accusa di maltrattamenti contro famigliari e lesioni personali aggravate nei confronti della moglie trentacinquenne. Le angherie toccate alla donna avevano radici ben più lontane di quella notte. Ai carabinieri che l’hanno soccorsa e trasportata in ospedale – per lei dieci giorni di prognosi per contusioni ed escoriazioni a volto e polso – la malcapitata ha confessato di essere vittima di violenze e di soprusi da ben quattro anni. Era il 2013 quando il marito aveva cominciato a riempirla di offese e minacce, costringendola ormai in uno stato di abbattimento emotivo permanente. L’incapacità di reagire della donna si era manifestata anche nella mancata denuncia di quella situazione alle forze dell’ordine. L’episodio di mercoledì notte ha rappresentato l’apice dell’atteggiamento repressivo del marito, che in quella notte per un banale litigio era arrivato anche a metterle le mani addosso. Con quell’episodio è esplosa anche la capacità di
sopportazione della donna, che ha quindi deciso di rivolgersi all’Arma. Il quarantenne, arrestato contemporaneamente al ricovero della compagna, è stato condotto in caserma a Piove di Sacco e quindi trasferito in carcere a Padova, a disposizione dell’autorità giudiziaria. (n. c.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics