Quotidiani locali

Due Carrare, ecco come è l'iper "gemello" di Saragozza 

Alla scoperta di Puerto Venecia, il modello di centro commerciale cui si ispirerà quello progettato all'uscita Terme Euganee

SARAGOZZA. Quelle cinque palme che crescono nell’isolotto in mezzo al laghetto arrivano dal Cile, le hanno pagate più di 20 mila euro l’una. Costa 2 mila euro ognuna delle chaise longue di cemento della Esofet che sono disseminate sulla banchina, vicino alle barchette. E i divani, nelle logge e all’interno della galleria, sono in pelle, arredi di design. Poi bisognerebbe parlare dei lampioni, dei pavimenti e della copertura, che è fonoassorbente e in grado di aprirsi e regolarsi in funzione del vento e del caldo, garantendo una climatizzazione naturale all’interno, anche d’estate con 40 gradi. E anche dei bagni, ma di quelli diremo a parte. Perché prima è urgente collocare questo sfarzo in un centro commerciale, il migliore del mondo nel 2013, premio Mapic. Si chiama Puerto Venecia, perché sorge a ridosso di una pineta che fu piantata da tale Jose Venecia, in una collina brulla della periferia di Saragozza. Siamo nel cuore della Spagna: qui dicono di essere vicini a tutto, perché tutto - Madrid, Barcellona, Valencia, Bilbao - è a “soli” 300 chilometri. Questione di punti di vista. Oggettivo, invece, è che nel nulla di un deserto caldo e ventoso, sorge questa città dello shopping da 300 mila metri quadri che ogni fine settimana richiama 15-20 mila persone da ogni luogo vicino (vicino dal loro punto di vista) e che la città di Saragozza ha dichiarato sito di interesse turistico .

Sgarbi contro il sindaco di Due Carrare: "Petrarca gli sputerebbe in faccia" Il critico d'arte Vittorio Sgarbi al Castello del Catajo di Battaglia Terme (Padova), continua la sua polemica contro il sindaco "reo" di spingere per la realizzazione di un centro commerciale vicino al complesso monumentale. La sua invettiva (video Zangirolami)


È qui che bisogna venire per capire come potrebbe essere, e forse sarà, il centro commerciale che la padovana Deda srl, con una sessantina di milioni del fondo Orion (pensioni Usa), vuole costruire a ridosso del casello autostradale di Terme Euganee e ai piedi dei Colli, con il Catajo a un tiro di schioppo. Qui perché è questo, fra tutti i progetti realizzati in giro per il mondo, che gli architetti dello studio L35 di Barcellona immaginano di replicare, in scala uno a due, per dimensioni dell’area (146 mila mq quella di Due Carrare) e per investimento. Per Puerto Venecia nel 2012 erano stati investiti 150 milioni di euro, poi però è stato rivenduto al triplo del suo costo iniziale.



Ma se si chiama Puerto Venecia è anche per l’acqua: un lago di 6.500 metri quadri, con larghezza massima di 500 metri, parte del quale in inverno diventa pista di pattinaggio. È navigabile con barchette che, insieme a un parco giochi enorme, a una parete per arrampicata e a un percorso-carrucola di 50 metri, rendono facile l’opera di convincimento dei genitori che vogliono portarsi dietro i bambini per una giornata di shopping. Proprio il lago è una delle novità dell’ultima - e forse definitiva - ipotesi progettuale per il centro commerciale di Due Carrare. Rispetto a luglio, diverse cose sono cambiate, vuoi per il movimento di opinione che si oppone, vuoi perché il Comune chiede una maggiore utilità pubblica dell’intervento, ma anche perché il fondo Orion vuole spendere bene i suoi soldi e chiede qualità. Per la Deda va bene così, per gli architetti di L35, abituati a concepire solo centri commerciali di un certo livello è un invito a nozze. Dunque la spianata di cemento da 44 mila metri quadri riservata ai parcheggi è stata drasticamente ridotta e potrebbe anche sparire del tutto, perché le auto (ci sarà posto per 2.500) finiranno in due piani interrati. E in superficie, oltre al “mall” da 33 mila metri quadri (circa 300 metri di lunghezza, 12 di altezza, con deroga di tre metri circa per una parte della vela di copertura) ci sarà un’area divertimento: il lago che sarà pista di pattinaggio in inverno, un piccolo parco giochi, una piazza-anfiteatro attrezzata per i concerti e per il cinema all’aperto, un ristorante e qualcos’altro che ancora non si sa. Perché il progetto è stato appena presentato al sindaco Davide Moro e il confronto tra le parti non si è ancora concluso. In comune con Puerto Venecia, a parte il lago, ci sarà la filosofia del centro commerciale, concepito non come luogo dove si va solo per acquistare ma per passare il tempo libero. E la qualità dell’offerta, intendendo come tale sia l’architettura - le finiture di qualità, i bagni a quattro stelle - sia l’offerta commerciale. Nel centro di Saragozza c’è tutto, da Zara alla Apple, da H&M a El Corte Inglès, ma anche Decathlon, Ikea, Leroy Merlins. A Due Carrare, oltre a un ipermercato, ci sarà posto per cento negozi circa. Dall’ok - se arriverà - serviranno massimo due anni per costruirlo.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista