Quotidiani locali

Lapidi e croci distrutte a mazzate

Vandalismi sacrileghi al cimitero di Taggì di Sotto, sdegno dell’intera comunità

VILLAFRANCA PADOVANA. Un gesto vile ed esecrabile è stato commesso al cimitero di Taggì di Sotto: qualcuno ha preso a mazzate alcune lapidi, mandandole in frantumi, e spezzato alcune croci. «Purtroppo quello di cui ci si è accorti ieri non è il primo episodio di danneggiamenti nel cimitero della frazione» commenta il sindaco Luciano Salvò, condannando il gesto. «Inoltrate le relative denunce, mi auguro che gli autori vengano individuati e perseguiti». Visto che non è un’unica famiglia a essere stata colpita, pare improbabile si tratti di un gesto commesso per ragioni personali contro un defunto in particolare, sebbene non si escluda alcuna ipotesi. L’amministrazione comunale, dal canto suo, cercherà di impedire che si ripetano simili viltà. «Agiremo con sistemi preventivi di controllo condiviso con la polizia locale e forze dell'ordine per evitare il ripetersi di questi atti» annuncia Salvò. «C'è anche un problema culturale, di senso civico e rispetto delle regole che cercheremo di affrontare con le altre
istituzioni che operano nel territorio. Tutti ci dobbiamo sentire coinvolti nel condannare e perseguire simili atti. In un momento in cui viene scalfito il valore del rispetto tra vivi, non è certo tollerabile alcuna forma di vilipendio o insulto nei confronti dei morti». (cri.s.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista