Quotidiani locali

«Rubati i fiori dalla tomba di mio figlio morto a 18 anni»

Mestrino: la rabbia del papà di Michael Zampieron, vittima di un incidente: «Basta con questi atti sacrileghi, il Comune installi le telecamere in cimitero»

MESTRINO. Qualcuno ruba i fiori nel cimitero di Mestrino. Qualcuno si appropria dei fiori, a volte pure insieme al vaso, che i parenti dei defunti depositano come pensiero per i congiunti che non ci sono più. E andare al cimitero e trovarsi derubati non fa che aggiungere dolore ad altro dolore. Lo stesso che ha provato Andrea Zampieron, quando alcuni giorni fa è andato a salutare il figlio Michael e si è accorto che i fiori non c’erano più. «Sistematicamente in cimitero vengono rubati fiori o addirittura vasi con fiori dentro», racconta, «e ovviamente non controllo tutto il cimitero per vedere dove sono andati a finire. Certo che andare a trovare mio figlio e vedere che mancano i fiori fa ancora più male. Ho provato a chiedere di smetterla a chi commette questo gesto con qualche avviso, ma senza risultato. Forse le telecamere sono l'unica soluzione».

Zampieron spera che chi debba intervenire con i controlli o con un deterrente efficace, prenda in considerazione che subire i furti in cimitero è un atto che ferisce profondamente. Manca il custode, come nella maggior parte dei camposanti, e difficilmente le amministrazioni vi installano telecamere. Ma se tutti i furti lasciano amaro in bocca e dolore nel cuore, quelli sacrileghi commessi in un cimitero ancor di più. Lo sa bene Ettore Fornea, anche lui padre di un ragazzino, che continua a subire furti e a chiedere un intervento a Vigodarzere. Lo sanno bene i genitori di un piccolino sepolto a Cadoneghe, che hanno tentato invano affiggendo dei cartelli di ritornare in possesso del trenino posato sulla lapide. «Non so se prendano di mira persone specifiche», continua Andrea Zampieron, «forse sono solo persone disturbate. Ma spero che qualcuno intervenga». Era alto quasi due
metri, Michael, e aveva 18 anni quella sera di dicembre di sei anni fa, quando prese l’auto del padre per andare con gli amici al bowling di Rubano. Tornando a casa perse il controllo della vettura e cadde in un fosso colpendo il parapetto di un ponte.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics