Quotidiani locali

Baby-campanari, campioni imbattibili

Con la squadra dei giovanissimi la scuola di Villafranca vince il trofeo nazionale Trabucchi a Illasi

VILLAFRANCA PADOVANA. Ormai hanno dimostrato di essere un grande, grandissima squadra, vincendo quest’anno i due tornei regionali più difficili: i campanari di Villafranca Padovana si sono aggiudicati, infatti, a settembre il primo premio al diciottesimo Trofeo Trabucchi a Illasi, in provincia di Verona.

Sempre in terra veronese erano andati a vincere lo scorso maggio il primo trofeo “Romeo Quintarelli” a Torbe di Negrar, una gara combinata a otto e nove campane. Nel veronese la tradizione dei suonatori di campane è molto forte e radicata e questo aggiunge ancora più soddisfazione alla squadra padovana composta per una buona parte da ragazzi giovanissimi. «Vincere i due trofei più difficili di quest’anno è stata una grande soddisfazione e deve essere uno spunto per continuare, ma soprattutto per migliorarci, ancora di più», hanno commentato i suonatori di Villafranca, pubblicando la notizia sulla loro pagina Facebook. «La gara è parecchio difficile», spiega Riccardo Zilio, uno dei giovanissimi campanari, «perché suonata con campane molto leggere e pertanto veloci e che si faticano maggiormente a controllare». La squadra campanaria di Villafranca ha dimostrato insomma di essere cresciuta: è appunto composta da molti giovani (come è giovane il maestro, Manuel Comacchio), che si sono appassionati a un’arte antica, che nel Padovano annovera soltanto un paio di associazioni di suonatori, in quanto esistono solo due chiese le cui campane possono essere suonate a mano: una è la Santa Cecilia
di Villafranca, l’altra è a Bevadoro di Campodoro. Per allenarsi suonano le campane della chiesa parrocchiale, ma per non disturbare i residenti, sono costretti a limitarsi a dei piccoli concerti n occasione delle messe del sabato pomeriggio e della domenica mattina. (cri. s.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista