Quotidiani locali

il vice ministro nencini e il prefetto alla rassegna sull’immigrazione 

«Lo Sprar di Montegrotto un modello da esportare»

MONTEGROTTO TERME. «Accoglienza diffusa come modello vincente e da seguire». È quanto ha detto ieri mattina il prefetto di Padova Renato Franceschelli, intervenuto in Piazza Roma per inaugurare con...

MONTEGROTTO TERME. «Accoglienza diffusa come modello vincente e da seguire». È quanto ha detto ieri mattina il prefetto di Padova Renato Franceschelli, intervenuto in Piazza Roma per inaugurare con il viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini la rassegna sull’immigrazione “Oltre i confini”. «Di solito vengo identificato come il prefetto cattivo», ha detto Franceschelli. «In questo caso devo fare i complimenti a quei comuni che hanno saputo gestire il problema migranti: Montegrotto è un esempio da seguire. È scelta di buon senso da parte dei sindaci adottare formule di accoglienza diffusa, quindi Sprar». «La cosa più importante è aver cominciato a creare una rete tra i sindaci dei 4 comuni (Piove di Sacco capofila, Montegrotto, Rubano, Ponte San Nicolò) che hanno aderito a questa iniziativa, una rete che va crescendo», ha aggiunto il prefetto.

Nencini ha toccato il tema della compassione: «È un sentimento cristiano, che ti porta a essere operativo, non a rimanere fermo, immobile».

All’inaugurazione della rassegna organizzata dalla cooperativa Città So.la.re., che gestisce l’accoglienza dei quattordici migranti ospitati nella Casa Santa Chiara di Mezzavia, c’era anche il sindaco di Cona Alberto Panfilio, che ha sottolineato come l’accoglienza diffusa sia un modello da seguire: se fosse stata adottata prima da parte di tutti i sindaci si sarebbe evitato il proliferare di hub. «La rassegna ci permetterà di far conoscere la realtà anche spesso drammatica che coinvolge il fenomeno migratorio», ha concluso il sindaco di Montegrotto Riccardo Mortandello. «Conoscere per non aver paura di affrontare anche le questioni più delicate. La nostra è una scelta in controtendenza, rispetto ai tanti
comuni che invece di gestire il fenomeno preferiscono a scaricarlo sugli altri. Una scelta che si sta dimostrando ogni giorno sempre di più in grado di governare un fenomeno epocale come le migrazioni. Il nostro intento è aiutate a vivere in un mondo più giusto».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics