Quotidiani locali

Ambulante ucciso da un malore

Rossano Rizzo, 51 anni di Solesino, è crollato a terra appena sceso dal furgone

SOLESINO. È sceso dal furgone, si è accasciato a terra ed è morto, stroncato da un probabile infarto. A perdere la vita, ieri mattina alle 7, è stato Rossano Rizzo, commerciante ambulante di 51 anni di Solesino. L’uomo stava recandosi al lavoro ed è morto poco prima di arrivare a Cavarzere, dove avrebbe allestito la sua bancarella. Rizzo era in viaggio sul furgone guidato da un collega, quando all’altezza della frazione di Beverare, a San Martino di Venezze, ha avvertito un malore. Ha fatto in tempo a comunicare il malessere al collega, che ha fermato il furgone, quindi si è accasciato fuori dal mezzo crollando a terra. Il compagno ha chiamato i soccorsi. Le manovre di rianimazione da parte dei sanitari del 118 – durate per quasi un’ora – si sono rivelate vane. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di San Martino di Venezze. Rizzo era diretto a Cavarzere per il mercato comunale del venerdì. Il cinquantenne è infatti un ambulante molto conosciuto nei mercati del Basso Veneto, titolare di una bancarella di tessuti e scampoli e anche di un negozio in centro a Solesino. La sua attività, “Diamoci un taglio”, si trova in via Roma. La mattina Rizzo era impegnato in vari mercati e il pomeriggio si dedicava al negozio. Era molto stimato in paese, anche per le sue doti di artista e artigiano del tessuto. Il commerciante viveva in via Pascoli a Solesino con la moglie Catia Mandruzzato e i figli Dylan, di appena quattro anni, e Gaia, adolescente.
Pare che il cinquantunenne soffrisse da qualche tempo di disturbi al cuore e che fosse in attesa di compiere alcuni accertamenti. «Siamo vicini alla famiglia» è il cordoglio del sindaco Roberto Beggiato «che si trova a dover vivere una tragedia di questa portata». (n. c.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics