Quotidiani locali

Piove, si torna alla scuola unica

Fallita la divisione del 2012, con Pontelongo c’è l’accordo per riformare l’Istituto comprensivo

PIOVE DI SACCO. Le giunte di Piove di Sacco e Pontelongo hanno deliberato di tornare, dal prossimo anno, a un Istituto comprensivo unico che raggrupperebbe, con i numeri attuali, i 1. 948 alunni che frequentano le aule di quindici tra scuole materne, elementari e medie. L’ultima parola ora spetta alla Regione che dovrà autorizzare la confluenza degli attuali Istituti comprensivi 1 e 2, nati all’indomani della scelta fatta nel 2012 e che, a conti fatti, per varie vicissitudini, ha portato per lo più solo problemi.

Tra le criticità che più hanno influito sul mancato decollo dei due istituti separati c’è stata la mancata nomina di un dirigente titolare per l’Istituto 2 che è stato retto pro tempore proprio da quello dell’Istituto 1. La richiesta alla Regione è stata fatta ora per permettere agli attuali istituti, in caso di autorizzazione, di programmare in modo più efficace e sereno l’orientamento scolastico e l’offerta formativa, oltre che per ottimizzare le prossime iscrizioni.

L’attuale amministrazione piovese da tempo si sta muovendo per modificare l’organizzazione delle scuole. «Nel 2014», spiegano il sindaco Davide Gianella e il suo vice Lucia Pizzo, «abbiamo costituito un tavolo permanente di confronto con le scuole. Si è poi iniziato a parlare di dimensionamento, coinvolgendo consigli di istituto, corpi docenti, genitori, provveditorato provinciale e il sindaco di Pontelongo. Ringraziamo tutti per la fattiva collaborazione e per i toni sereni tenuti. A differenza di cinque anni fa, la delibera sul dimensionamento è l’esito di un percorso partecipato. Non essendo uscita una visione unitaria dalle scuole, abbiamo valutato che la migliore strategia per garantire mantenimento e potenziamento dell’offerta scolastica fosse quella di un Istituto comprensivo unico, che muova i suoi passi partendo dal punto fermo della continuità scolastica. In Provincia esistono diversi esempi di Istituti unici che funzionano bene. Abbiamo stabilito inoltre lo spostamento dell’attuale scuola media “Regina Margherita” nella nuova scuola in costruzione a Sant’Anna». L’amministrazione di Pontelongo è invece la stessa del 2012. «In
questi anni», spiega il sindaco Fiorella Canova, «gli scenari sono mutati. L’autonomia che nelle intenzioni avrebbero dovuto avere i due istituti non si è poi di fatto concretizzata. Ora è tempo di razionalizzare i costi eliminando inutili doppioni».

Alessandro Cesarato

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics