Quotidiani locali

In tribunale vince lo Scout Speed

Il giudice di Rovigo ribalta la sentenza che aveva annullato una multa elevata dai vigili di Solesino

SOLESINO. Lo Scout Speed, il velox mobile in dotazione ai vigili di Solesino, incassa un’altra vittoria. Il Tribunale di Rovigo (il giudice è Fabio Massimo Saga), in fase di appello, ha riformato la sentenza del giudice di pace di Este che aveva annullato una sanzione attribuita proprio grazie all’utilizzo di questo strumento. Attraverso lo Scout Speed i vigili di Solesino, il 5 dicembre 2013, avevano intercettato una vettura in via Roma a Granze: invece dei 50 chilometri orari, il mezzo viaggiava ai 77. Da qui la multa di 184 euro e l’inizio di una iter legale, che in primo luogo aveva visto il ricorso del multato, una società della Bassa padovana a cui era intestato il veicolo. Il giudice di pace di Este, Patrizia Prando, aveva messo in dubbio l’effettiva omologazione dello strumento, l’obbligo di presegnalazione del velox, la mancata contestazione immediata e il non rispetto della privacy del conducente sanzionato, immortalato in pieno volto. La sanzione era dunque stata annullata. Il distretto di polizia si è quindi rivolto ai legali Laura Massaro e Giovanni Daniele Toffanin, che già in passato hanno raccolto sentenze favorevoli all’utilizzo dello Scout Speed e che sono ormai figure di riferimento a livello nazionale nella legittimazione di questo strumento. «Il Tribunale ha ritenuto pienamente legittimi gli accertamenti della polizia locale con lo Scout Speed» spiegano i due legali, «accogliendo integralmente tutti i proposti motivi di appello. Il giudice ha infatti ritenuto che la strumentazione, debitamente omologata e sottoposta con cadenza regolare a controlli di verifica della funzionalità e taratura, possa essere utilizzata ai fini della sicurezza stradale, senza necessità di presegnalazione alcuna e con conseguente ammissibilità della contestazione differita».

La pronuncia ha inoltre confermato l’assenza di violazione alla disciplina in materia di privacy, superando tutte le motivazioni rese dal giudice di pace nella sentenza impugnata. «Con questa sentenza
viene consolidata la giurisprudenza a favore dello Scout Speed, strumento di tutela della sicurezza sulle strade», chiudono Massaro e Toffanin. Lo Scout Speed è attualmente utilizzato a Solesino, Stanghella, Pozzonovo, Sant’Elena, Granze e, finop al 30 settembre, a Ospedaletto Eugnaeo.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics