Quotidiani locali

Daspo urbano Ad Agna c’è l’ordinanza

AGNA. Chi disturba o si ubriaca in piazza, lungo le strade o nei parchi pubblici come alle fermate dell’autobus, chi pratica l’accattonaggio molesto e l’elemosina porta a porta, chi assume...

AGNA. Chi disturba o si ubriaca in piazza, lungo le strade o nei parchi pubblici come alle fermate dell’autobus, chi pratica l’accattonaggio molesto e l’elemosina porta a porta, chi assume atteggiamenti contrari al decoro e alla pubblica decenza sarà multato e potrà anche essere allontanato dal territorio comunale. Entra in vigore ad Agna l’ordinanza sul “daspo urbano” che introduce una serie di provvedimenti contro chi turba la vita pubblica o mette a rischio la sicurezza collettiva. Come promesso il sindaco Gianluca Piva ha firmato il provvedimento previsto dalla legge sulla sicurezza delle città entrata in vigore lo scorso aprile. Ad Agna i casi più recenti di problemi di ordine pubblico sono legati alla costante presenza di decine di migranti, ospiti nelle ex basi di Conetta e San Siro, entrambe a pochi chilometri dalla piazza del paese. L’ordinanza non fa distinzioni di nazionalità o di provenienza. «Più volte», ricorda il sindaco, «sono stati segnalati alla Polizia locale atti contrari alla pubblica decenza sia nei centri abitati di Agna e di Frapiero che in prossimità delle fermate e del capolinea degli autobus, così come si sono già verificati episodi di bivacco
in piazza Roma, segnalati anche dai commercianti. Anche chi verrà sorpreso a sporcare o imbrattare il patrimonio pubblico sarà punito». Oltre alla sanzione amministrativa da 50 a 300 euro c’è la possibilità dell’allontanamento dal territorio comunale.

Nicola Stievano

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista