Quotidiani locali

Ciclista stroncato da infarto a Cinto

È mancato a 77 anni Elio Bissacco: gestiva con il figlio un laboratorio orafo a Padova

CINTO EUGANEO. Stroncato da un malore fulminante in sella alla sua mountain bike dopo aver superato il valico del Roverello, tra Galzignano e Faedo, sui Colli Euganei. Elio Bissacco, cicloamatore padovano di 77 anni, si è sentito male intorno alle 12.30 di domenica.

Stava percorrendo con alcuni amici il tratto di strada abbastanza pianeggiante che passa davanti alla trattoria “Da Oci” e scende verso Arquà Petrarca. L’allarme è scattato immediatamente e in attesa dell’arrivo dell’ambulanza del 118 e dell’elicottero del Suem, che ha potuto atterrare in uno spiazzo poco lontano, sul corpo del malcapitato era stato tentato il massaggio cardiaco. Ma non c’è stato nulla da fare.

Elio Bissacco era un biker di grande esperienza. Fino a qualche anno fa aveva gareggiato tra gli amatori nella categoria Veterani con la maglia del gruppo sportivo Colli Euganei. Nel 2001 al gran premio “Festa del Bo” sugli sterrati del comune di Cervarese Santa Croce aveva primeggiato nella sua categoria di età.

La passione per il ciclismo gli era però rimasta e quando poteva saliva in sella per un giro sulle strade dei colli. Bissacco abitava a Padova in via Sadoleto, nella zona del Bassanello, e gestiva assieme al figlio Antonio il

laboratorio orafo al civico 66 di via Altinate. Un’attività che Elio aveva avviato oltre mezzo secolo fa in un garage della Guizza. Nel 1992 il laboratorio si è trasferito in centro città. Elio continuava a collaborare con il figlio nella gestione dell’attività. (g.b.)
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics