Quotidiani locali

Ferrovia interrotta per il bomba-day domani a Legnago

Ospedale chiuso anche alle visite, Schiavonia in preallarme Possibili disagi pure lunedì se il disinnesco sarà complicato

MONTAGNANA. Il doppio “bomba day” di Legnago interesserà indirettamente anche la Bassa Padovana. Domani e lunedì, infatti, si procederà al disinnesco e al brillamento di due bombe aeree inesplose della Seconda guerra mondiale, emerse dal letto dell’Adige in prossimità del ponte ferroviario di Legnago, a sud della cittadina veronese. La mobilitazione per permettere la rimozione delle bombe in sicurezza è notevole: a Legnago, ad esempio, è prevista l’evacuazione di ben 10 mila residenti, praticamente la metà dei cittadini del Comune, con tanto di allestimento di due centri di accoglienza.

In qualche modo anche il nostro territorio ne risentirà. Dalle 8.30 alle 17 di domani e dalle 9.30 alle 12.30 di lunedì sarà sospesa la circolazione ferroviaria tra Cerea, Legnago, Bevilacqua e Castagnaro, dunque anche sulla linea Mantova-Monselice. Queste le variazioni che potrebbero interessare anche i nostri pendolari. Domani il treno in partenza da Monselice alle 10.39 e quello delle 15.23, entrambi diretti a Mantova, saranno cancellati e sostituiti da un bus nel tratto che va da Bevilacqua a Cerea, dove occorrerà prendere un nuovo treno. Si accumulerà un ritardo di almeno mezz’ora. Il treno in partenza da Monselice alle 15.39, invece, sarà completamente cancellato e sostituito con un bus: l’autobus alternativo partirà da Monselice alle 15.39, da Este alle 15.55, da Ospedaletto Euganeo alle 16.01, da Saletto alle 16.10 e da Montagnana alle 16.21. Stesso ragionamento per la direzione contraria: i treni che sarebbero dovuti arrivare domani alle 12.21 e alle 15.21 a Monselice (sempre da Mantova) subiranno un ritardo di mezz’ora visto che nel tratto Cerea-Bevilacqua si procederà con bus alternativo. È invece cancellata la corsa in partenza alle 15.37 a Mantova e in arrivo a Monselice alle 17.21: sarà possibile accedere ad un autobus che partirà alle 17.22 da Montagnana, alle 17.33 da Saletto, alle 17.42 da Ospedaletto Euganeo e alle 17.48 da Este. L’arrivo nella città della Rocca è previsto per le 18.04. Nella giornata di lunedì non sono invece previste variazioni.

Per gli utenti del Montagnanese solitamente abituati a rivolgersi all’ospedale “Mater Salutis” di Legnago, inoltre, è bene sapere che la struttura sarà inaccessibile per l’intera giornata di domani. Oltre al pronto soccorso di Schiavonia, ospedale di riferimento per questo territorio, saranno attivi il punto di primo intervento di Bovolone e il posto medico avanzato allestito nel centro accoglienza di San Pietro di Legnago, in zona scuole elementari. Non sarà possibile fare visita ai degenti dell’ospedale legnaghese. La stessa Usl 9 Scaligera ha richiesto alla nostra Usl 6 Euganea
la disponibilità ad accogliere eventuali urgenze che non potessero essere soddisfatte, domani, dalla struttura ospedaliera di Legnago. L’ospedale di Schiavonia, assieme a quelli delle Usl 5 e 8, si è dunque attivato per garantire la copertura richiesta.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics