Quotidiani locali

«Commercio e smaltimento illecito di rifiuti»

Il consigliere leghista Centenaro di S. Giustina in Colle denuncia i traffici all’ecocentro di via Tremarende

SANTA GIUSTINA IN COLLE. Si adombra l’ipotesi di un commercio illecito di rifiuti o di un loro illecito smaltimento nell’esposto presentato nei giorni scorsi ai carabinieri dal consigliere comunale del Carroccio Giulio Centenaro. Un giovedì dello scorso agosto Centenaro, con un testimone, si è recato all’ecocentro di via Tremarende per verificare le segnalazioni di alcuni cittadini in merito alla presenza di persone che chiedono la consegna di materiale vario a coloro che vanno a conferire i rifiuti speciali e ingombranti. Vedendo una donna che usciva con un televisore in mano, il consigliere ha chiesto lumi, ma non ha ricevuto risposta. Nessuna spiegazione avrebbe ricevuto nemmeno dagli addetti al servizio e così ha chiamato il 112. A quel punto la donna che aveva preso il televisore, un’altra donna e un uomo hanno raccolto quanto avevano accumulato nel piazzale e si son dileguati a bordo di un furgone. In seguito alla denuncia si sono attivate le indagini per fare luce sulla vicenda. Va detto che Centenaro ha segnalato più volte, anche con formali interrogazioni consiliari, quanto accade all’ecocentro giustinense, documentando il tutto con foto.

Una situazione quasi identica si verifica nell’ecocentro di via Galvani a Reschigliano di Campodarsego. Qui fino a poco tempo fa c’era un gruppetto di persone di colore che raccattava ferro e quantaltro fosse recuperabile. Al loro posto oggi ci sono due anziani, italiani. A turno si avvicinano alle auto in coda e chiedono di poter avere qualche pezzo che ritengono possa essere riciclato. Con questo sistema riescono a riempire ogni volta i loro furgoni.

Un altro ecocentro non indenne dal fenomeno è quello di Loreggia. Sabato scorso alle 9, un’ora prima dell’apertura, davanti all’ingresso c’era un uomo di colore già seduto su una sedia che aspettava l’arrivo degli utenti. Accanto aveva la bicicletta con la quale era giunto sul posto. All’arrivo delle auto le avvicinava domandando di visionare il materiale da conferire. Anche qui si segnalano persone che questuano, ma in diminuzione rispetto al passato: i frequenti passaggi dei
carabinieri, che tengono monitorate le aree di via Morosini, li stanno scoraggiando. Appropriarsi dei rifiuti destinati allo smaltimento, stoccarli oppure commercializzarli in assenza di licenza, è violazione della normativa in materia di rifiuti speciali.

Giusy Andreoli

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics