Quotidiani locali

Scrive: «Ho problemi di lavoro» e si uccide

Trovato morto nel laboratorio Roberto Dian, artigiano cinquantenne. Il fratello: «L’attività è sana, i problemi erano altri»

CASTELBALDO. Per tutta la mattinata non ha risposto al telefono, facendo preoccupare l’amico con cui aveva un appuntamento. Nel pomeriggio, dopo ore di inspiegabile silenzio, la tremenda scoperta: Roberto Dian, artigiano di 50 anni, era privo di vita nella sua azienda di Castelbaldo. Il cinquantenne aveva deciso di farla finita impiccandosi a un muletto, dopo aver lasciato un biglietto con su scritte le motivazioni alla base del gesto estremo. «Ho fatto questa scelta perché ci sono problemi di lavoro che non riesco a risolvere», sono le parole lasciate a familiari, amici e colleghi. Eppure la sua azienda era in salute e lo stesso imprenditore non aveva mai dato segni di particolare instabilità o di sofferenza.

Roberto Dian è stato trovato morto alle 19 di domenica nella sua azienda di via Paiette a Castelbaldo. Il cinquantenne, che da vent’anni viveva a Badia Polesine (Rovigo) ma che in paese era molto noto e stimato, era titolare della Erregi srl, realtà nata nel 1989 ed oggi specializzata nella produzione di mobili da arredo bagno.

Per tutta la mattinata di domenica un amico ha cercato di contattarlo, ma il cellulare dell’artigiano suonava a vuoto. «Nel tardo pomeriggio il silenzio di Roberto si è fatto preoccupante, per cui questo amico è venuto a riferirmi dell’insolita circostanza» racconta Dino, fratello della vittima «Siamo finiti a cercarlo in azienda. Abbiamo sentito il suo telefono squillare e abbiamo capito che era lì. Lo abbiamo trovato privo di vita, non c’era più nulla da fare». Il fratello conferma l’esistenza di un biglietto con gli ultimi pensieri dell’artigiano: «Ha scritto in maniera generica che era arrivato a quella scelta perché c’erano dei problemi con il lavoro che non riusciva a risolvere, senza però entrare nei particolari. Io sinceramente non credo a questa spiegazione: penso che abbia scritto la cosa più semplice da scrivere, quella che magari ci avrebbe dato meno dolore, e che invece dentro di sé avesse qualcosa di ben più grave che purtroppo ora non potremo mai sapere».

Lo stesso Dino ieri mattina ha contattato dipendenti (alla Erregi lavorano in cinque), consulenti e fornitori del fratello: «Gli stipendi sono sempre stati versati, non c’erano particolari pendenze economiche e l’azienda, pur con tutte le difficoltà vissute per via della crisi, poteva dirsi in salute. Chiunque lavorava con Roberto lo ha confermato. Certo, negli anni aveva dovuto rinunciare a qualche dipendente, e le difficoltà non erano mancate, come per qualsiasi altro artigiano». Ma l’imprenditore non aveva mai palesato situazioni di insostenibilità così forti: «Ero stato con lui sabato sera e Roberto era splendido. Mercoledì avevamo cenato con l’intera famiglia, e il clima era dei migliori. Mio fratello era uno che non riversava mai i suoi problemi sugli altri, tanto meno su di noi».

La notizia della morte di Roberto Dian ha lasciato sotto shock l’intero paese, dove il cinquantenne e la sua famiglia sono conosciuti e amati. Roberto è il più grande di cinque fratelli: Dino, Fabio, Sabrina ed Elena. Il papà Ernesto, noto a tutti come “el Cina”, è scomparso tre anni fa e aveva altri dodici fratelli. La mamma Adriana vive ancora a Castelbaldo. Roberto, poi, era stato uno dei calciatori della prima squadra di calcio locale, tanto che lo scorso maggio, per il trentennale dell’Ac CastelbaldoMasi, era sceso in campo per una partita di vecchie glorie. Lo stesso sindaco del paese, Riccardo Bernardinello, ha voluto lasciare un messaggio di cordoglio: «Non ci sono parole, questo è il momento del silenzio, della riflessione e di stare vicino alla famiglia di Roberto. È una ferita grave per la comunità di Castelbaldo. Siamo tutti basiti di fronte a questa tragedia, e neppure noi ci spieghiamo cosa possa aver mosso questa scelta: Roberto
era una persona puntuale, sempre col sorriso, matura, seria nel senso positivo del termine». La famiglia ha già deciso la data del funerale del cinquantenne: l’addio a Roberto Dian verrà dato domani alle 16, nella chiesa parrocchiale di Castelbaldo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics