Quotidiani locali

Incassa l’assegno fotocopiato

Collezionista d’auto di Carmignano raggirato e derubato di 40 mila euro da un giovane napoletano

CARMIGNANO DI BRENTA. Fotocopia un assegno circolare falso da 40 mila euro e lo deposita, scatta la denuncia per truffa, ricettazione e riciclaggio. Nel mirino dei carabinieri della stazione di Carmignano è finito un ventisettenne, originario di Napoli.

Gli uomini del maresciallo Angelo Guadagnino, dopo una serie di indagini, hanno chiuso il cerchio sul truffatore che nei mesi scorsi aveva raggirato un ignaro cinquantenne residente a Carmignano spillandogli – a sua insaputa – qualcosa come 40 mila euro.

I due sono venuti in contatto dopo che il campano aveva messo in vendita sul sito Subito. it un’auto storica del valore di 40 mila euro. Il mezzo è stato così notato dal carmignanese, appassionato di auto d’epoca. Il cinquantenne ha così deciso di chiamare il giovane per tentare di acquistare l’auto.

Tutto sembrava andare per il meglio, la trattativa pareva essere andata a buon fine.

Al punto che il denunciato ha chiesto al malcapitato – come garanzia del pagamento – di spedirgli la fotocopia dell’assegno circolare con impressa la cifra di 40 mila euro. Indicazioni che il carmignanese ha seguito alla lettera, tanto era il desiderio di venire in possesso dell’auto storica ammirata sullo schermo del computer.

Il malintenzionato è così riuscito a stampare l’assegno circolare, riproducendolo fedelmente e infine è andato a depositarlo in un ufficio postale campano. Una volta presenti i soldi nel conto corrente ne ha spostati una parte su un altro conto, mentre la differenza l’ha prelevata – nell’arco di una giornata – in vari distributori di banconote. Fino a raggiungere la cifra di 40 mila euro. Il carmignanese, non sentendolo più, ha cercato di mettersi in contatto con il napoletano, che nel frattempo si era reso irreperibile. La vettura non arrivava nell’Alta Padovana e 40 mila euro erano
scomparsi dal conto del truffato, che si è visto così costretto a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine e denunciare l’accaduto.

Rintracciato dai carabinieri, il ventisettenne è stato denunciato per truffa, ricettazione e riciclaggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics