Quotidiani locali

Imprenditore padovano cerca tre apprendisti, non si candida nessuno

La segnalazione da parte di un'azienda metalmeccanica: "Eppure potrebbero guadagnare un buono stipendio"

PADOVA. «Non riesco a trovare apprendisti. Evidentemente i giovani pensano che lavorare in un'azienda metalmeccanica sia poco gratificante. E sì che lo stipendio è migliore di quello che potrebbero trovare altrove».

leggi anche:

A lanciare l'allarme è Giancarlo Piva della padovana Micromeccanica, impresa associata a Confapi che conta 35 dipendenti e fattura circa 6 milioni di euro l'anno.

Una testimonianza in linea con un recente studio, secondo cui 28 imprese padovane su 100 prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

«Da tempo - spiega Piva - stiamo cercando due o tre apprendisti da inserire nelle operazioni di controllo qualità, in sostanza chiamati a verificare che quanto esce dalle nostre macchine sia conforme al disegno e alle esigenze dei clienti. L'obiettivo è poi quello di formarli, facendo loro imparare ad attrezzare i nostri strumenti. Mi sono rivolto all'Enaip di Padova, istituto che organizza corsi di formazione professionale: mi dicono che per una classe che prepara alle lavorazioni meccaniche ce ne sono tre per aspiranti cuochi. E all'istituto Camerini Rossi mi hanno risposto che non organizzano più corsi professionali di questo tipo, perché non c'è più richiesta da parte dei ragazzi».

Secondo Piva, le aziende del settore «potrebbero offrire ben più dei 900 euro di stipendio medio che in genere portano a casa gli operai di altri settori all'inizio della loro carriera professionale».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista