Quotidiani locali

cadoneghe 

«Soldi in frigo» si finge di Etra e lo deruba

CADONEGHE. Ancora un truffatore alla porta, che si spaccia per operatore di Etra e riesce a derubare una persona, con la scusa dell’acqua inquinata. Grave episodio che si somma alle truffe...

CADONEGHE. Ancora un truffatore alla porta, che si spaccia per operatore di Etra e riesce a derubare una persona, con la scusa dell’acqua inquinata. Grave episodio che si somma alle truffe telefoniche tentate nelle settimane scorse a Selvazzano Dentro. È accaduto l’altro giorno a Cadoneghe, quando un uomo alto ha suonato al campanello, chiedendo di entrare e qualificandosi come operatore di Etra. Non indossava la pettorina e aveva un cartellino in tasca, visibile solo però parzialmente, e probabilmente portava una parrucca.

Una volta in casa ha spiegato che era stata rilevata presenza di mercurio nell’acqua potabile, ha controllato il contatore e invitato l’utente a mettere i soldi ed eventuali valori in oro dentro il frigo. Si è messo ad armeggiare, con una scusa ha allontanato la persona e poi è filato via.

Solo allora, quando l’uomo ha
lasciato l’abitazione, il proprietario di casa si è accorto che i soldi erano spariti. A nulla è valso chiamare Etra per verificare: l’azienda gli ha spiegato che non si trattava di un proprio addetto, bensì di un truffatore, e lo ha invitato a chiamare il 112. (cri. s.)



TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista