Quotidiani locali

Stazione di Padova, genitori cinesi si dimenticano i figli al binario 

Un'agente di polizia ferroviaria si accorge di loro e con l'aiuto di un interprete dopo tre ore si riesce a riunire la famiglia 

PADOVA. In questi giorni lo scalo ferroviario è prevalentemente frequentato da masse di turisti che affollano tutte le aree di transito della Stazione di Padova.

La ressa per prendere il treno in partenza è stato il motivo dello spiacevole episodio occorso nel pomeriggio di venerdì ad una famiglia di cinesi in vacanza in Italia e residenti in Spagna: alle ore 13,53 il treno Freccia Argento partiva diretto a Roma dal binario 1 della Stazione di Padova.

Gli Agenti Polfer che in quel momento vigilavano la partenza, notavano che sul marciapiede rimanevano un bambino e una bambina che si tenevano per mano e che guardavano il treno partire. Nessun adulto era presente nei pressi e dopo la partenza del treno il marciapiede si presentava deserto.

Ad avvicinare i due bambini, un maschio ed una femmina, è stata L'agente di Polizia Adele, che li salutava con un sorriso e poi gli chiedeva dove fossero la mamma e il papà. I due bimbi però non rispondevano e rimanevano fermi nella loro posizione a fissare il binario vuoto.

L'Agente Polfer gli tendeva allora la mano per farli allontanare dalla linea gialla, ma anche in questo caso i due bimbi si mostravano diffidenti. Al fine di agevolare la comunicazione con loro questo personale fermava un passante allesterno della stazione di origini cinesi chiedendo di poter interloquire con i due minori.

Con l'aiuto di quest'ultimo si apprendeva che i genitori erano sul treno appena partiti. Venivano così convinti a venire nellUfficio di Polizia dove la mamma e il papà presto sarebbero venuti a prenderli. Qui si sintonizzavano sul loro canale preferito dei cartoni animati e gli veniva offerto uno snack ed una bibita di loro gusto.

Veniva contattato il capotreno del Frecciargento appena partito ed infatti egli rappresentava che una coppia di cinesi stava tentando di dirgli qualcosa ma che non capiva. Gli veniva così spiegato di venire a riprendere

i loro figli presso lUfficio di Polizia Ferroviaria di Padova e che i loro bambini stavano bene. Alle ore 17,25 i genitori si presentavano Presso questi Uffici cui previa identificazione gli venivano riconsegnati i due figli, dopodichè riprendevano il loro viaggio/vacanza in Italia.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare