Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Si schianta in moto al rondò, muore 46enne di Conselve

La Ducati (foto Piran)

Casalserugo, tragedia a mezzanotte lungo la strada provinciale 3: la vittima è Stefano Violato, era in sella alla sua Ducati

CASALSERUGO. Si schianta in moto, muore 46enne di Conselve.

Tragedia a Casalserugo, lungo la provinciale 3. Era la mezzanotte quando Stefano Violato ha perso il controllo della sua Ducati F1. E' morto sul colpo. Sul posto per i rilievi i carabinieri della stazione di Ponte San Nicolò. 

Domenica mattina, a ricordare la tragedia avvenuta solo qualche ora prima, c’era già un mazzo di fiori. Stefano Violato, imprenditore, titolare della nota azienda Stampe Violato arrivava da Padova e la su ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CASALSERUGO. Si schianta in moto, muore 46enne di Conselve.

Tragedia a Casalserugo, lungo la provinciale 3. Era la mezzanotte quando Stefano Violato ha perso il controllo della sua Ducati F1. E' morto sul colpo. Sul posto per i rilievi i carabinieri della stazione di Ponte San Nicolò. 

Domenica mattina, a ricordare la tragedia avvenuta solo qualche ora prima, c’era già un mazzo di fiori. Stefano Violato, imprenditore, titolare della nota azienda Stampe Violato arrivava da Padova e la sua Ducati si è schiantata contro il guardrail che precede la rotatoria: per lui non c’è stato nulla da fare. Violato, padre di un’adolescente, è morto praticamente sul colpo.

L’incidente è avvenuto pochi minuti dopo la mezzanotte all’altezza del chilometro 9+600 della provinciale 3 “Pratiarcati”, che da Padova porta ad Anguillara Veneta. Stefano Violato, esperto motociclista, era in sella alla sua Ducati 750 F1 e stava viaggiando verso Casalserugo. «Possiamo solo ipotizzare da dove venisse», spiegano i familiari. «Immaginiamo che avesse passato la serata con amici a Padova. Stava tornando a casa per vedere la figlia».

Casalserugo, centauro muore in sella alla sua Ducati

Per cause ancora in fase di accertamento, giunto alla rotoria di via Risorgimento (quella che dà sul supermercato Alì), il conselvano ha perso il controllo del suo mezzo. La Ducati si è schiantata contro il guardrail che anticipa il rondò. L’impatto è stato violentissimo: Violato è stato sbalzato dalla moto, che si è ridotta ad un ammasso di ferraglia.

Stefano Violato

La salma del quarantaseienne è stata portata nella camera mortuaria dell’ospedale di Padova, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Per questo motivo non è ancora possibile decidere una data per il funerale dell’imprenditore.

L’episodio ha scatenato la protesta di residenti, cittadini (soprattutto attraverso i social) e pure dei familiari del motociclista, che hanno sottolineato l’estrema pericolosità della rotatoria di via Risorgimento, già teatro di numerosi incidenti: «Protestare non riporterà certamente in vita Stefano, e sappiamo benissimo che anche la velocità può essere stata determinante in questa situazione, ma non possiamo di certo tacere», denuncia uno zio della vittima. «Quella rotonda è poco illuminata, mal segnalata, collocata in una posizione e in modo tale da essere percepita solo all’ultimo. La progettazione di questo incrocio è assurda e lo testimoniano i tanti incidenti, anche gravi, che si sono registrati si dalla sua realizzazione. Denunceremo sicuramente questa situazione agli organi competenti, perché non possiamo permettere che accadano altre disgrazie come questa».

La notizia della morte del quarantaseienne ha lasciato sotto choc l’intera comunità conselvana, dove la famiglia Violato è molto conosciuta. L’azienda gestita da Stefano e il fratello è un’istituzione nel tessuto imprenditoriale cittadino e ancor prima lo è stato il nonno Modesto, fondatore della tipografia. Padre di nove figli, a lui è dedicato un cippo nel “Giardino della Memoria” parrocchiale. Il nonno di Stefano era stato infatti antifascista e partigiano e fu promotore di molte iniziative in paese, dalla fondazione del circolo Acli di Conselve passando per la gestione dell’Acquedotto e dell’ospedale cittadino e per la realizzazione di alcuni quartieri residenziali.