Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Via il presidio al Primo Roc «Ma se serve lo rimontiamo»

ABANO TERME . Il presidio della caserma Primo Roc, contro il possibile arrivo dei profughi ad Abano, è stato sciolto. Tra lunedì e ieri il comitato “Abano dice No” ha iniziato a smantellare il...

ABANO TERME . Il presidio della caserma Primo Roc, contro il possibile arrivo dei profughi ad Abano, è stato sciolto. Tra lunedì e ieri il comitato “Abano dice No” ha iniziato a smantellare il presidio che, da settembre, era in piedi per dire di no all’arrivo dei migranti alle terme. Un presidio che a novembre ha dato vita ad una candidatura politica, quella di Emanuele Boccardo. Proprio la sconfitta al ballottaggio di domenica di Boccardo ha portato ad abbandonare il presidio, rimuovendo st ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ABANO TERME . Il presidio della caserma Primo Roc, contro il possibile arrivo dei profughi ad Abano, è stato sciolto. Tra lunedì e ieri il comitato “Abano dice No” ha iniziato a smantellare il presidio che, da settembre, era in piedi per dire di no all’arrivo dei migranti alle terme. Un presidio che a novembre ha dato vita ad una candidatura politica, quella di Emanuele Boccardo. Proprio la sconfitta al ballottaggio di domenica di Boccardo ha portato ad abbandonare il presidio, rimuovendo striscioni, bandiere e lasciando, quasi come un ricordo, il container. Sembrano quindi passati anni luce dalle manifestazioni di settembre, quando per le strade di Abano sfilarono migliaia di persone. Ora, dopo la delusione elettorale, la resa. Anche se il candidato sindaco Boccardo non vuole sentire parlare di resa. «È semplicemente terminata l’attività», spiega. «Ora c’è un sindaco che si è detto contrario allo Sprar e all’hub. È giusto che svolga il suo ruolo e mantenga la parola data. Se così non fosse il presidio si rimonta nel giro di due secondi». A quanti ora sostengono che fosse semplicemente un presidio elettorale Boccardo replica. «Assolutamente no. È stata un’iniziativa a tutela di Abano e degli aponensi. Siamo stati da esempio di difesa dei confini e dell’essere italiani».(f.fr.)