Quotidiani locali

uomini&animali 

Cane cieco fugge di continuo alla ricerca del padrone morto

Il meticcio Tim è anziano e non ci vede: è rimasto solo da un mese, non si rassegna alla perdita e continua a scappare alla ricerca dell suo "amici umano"

MONSELICE. Il meticcio Tim, anziano e cieco, non si rassegna alla perdita del suo amato padrone, stroncato da un infarto poco più di un mese fa, e continua a scappare per campi alla ricerca dell'umano che per tanti anni l'aveva accudito.

Solo l'intervento della Polstrada, la settimana scorsa, in seguito alle segnalazioni allarmate di cittadini della zona, ha evitato che accadesse il peggio: il cagnolino era stato visto vagare sull'autostrada Bologna-Padova e rischiava di essere investito.

Purtroppo non c'è nulla che potrà restituire a Tim il suo amato padrone: il suo proprietario era Giuliano Bozza, il fratello del consigliere comunale ed ex regionale Santino Bozza, che è mancato i primi di marzo all'età di 54 anni a causa di un malore che l'ha fulminato in casa. I cani di Bozza, 5 in tutto, al momento del dramma erano in giardino e all'arrivo dei soccorsi erano agitati.

Tim, in particolar modo, provava a sbattere la sua testolina contro la porta chiedendo di entrare, come era solito fare, ma non si apriva, una “barriera” che lo divideva dall'odore amato. I cani di Bozza sono rimasti soli, ma Tim sembra soffrirne più degli

altri e continua a scappare in cerca di Giuliano. Per questo motivo il canile di Monselice, a cui la bestiola è destinata, lancia un appello per trovarle un nuovo padrone, in modo da permettele di trascorrere serenamente gli ultimi anni della sua vita, già duramente segnata.

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics