Quotidiani locali

Malore sul ring, è grave una pugile veneta

Francesca Moro, 27 anni, atleta dell’Union Boxe Mestre, era all’esordio stagionale al Torneo nazionale in corso a Chieti. Vive a Mestre e studia a Padova

CHIETI. Sono definite «critiche», dai medici dell'ospedale di Pescara, le condizioni di Francesca Moro, 26 anni, la pugilatrice residente a Mestre e studentessa a Padova, in coma da ieri (sabato) dopo essersi sentita male al termine di un match di semifinale, a Chieti, nell'ambito del torneo femminile Junior/Youth e Torneo Femminile Elite 2° di boxe.

Nelle prossime ora sarà sottoposta a tac di controllo.

La giovane, arrivata in ospedale con un ematoma sottodurale acuto, nella notte è stata sottoposta a intervento chirurgico in Neurochirurgia e ora è ricoverata in Rianimazione. La prognosi resta riservata.

I medici del reparto diretto da Tullio Spina la stanno tenendo sotto costante monitoraggio. La 26enne è intubata e respira con ventilazione meccanica. È sedata e lo resterà almeno fino a lunedì. Determinante, per poter capire come la giovane atleta stia rispondendo alle cure, l'evoluzione del quadro clinico nelle prossime ore.

Nel match Francesca aveva combattuto una prima ripresa ad alto ritmo, la seconda leggermente in calando. Durante la terza, ha iniziato a stare male. Prima un senso di enorme spossatezza, poi alcuni mancamenti intervallati da momenti in cui sembrava riprendersi.

Cosa sia esattamente successo sul ring non è ancora chiaro. «Da quanto ci hanno raccontato, non risulta che Francesca abbia preso particolari colpi al volto. Indossava tutte le protezioni previste tra cui i guanti, il caschetto, il paradenti», spiega da Mestre Luciano Favaro, fino a pochi mesi fa presidente dell’Union Boxe ora guidata da Luisa Trevisiol. «All’improvviso l’atleta ha iniziato a lamentare una spossatezza che non è normale, poi ha avuto dei mancamenti da cui rinveniva. È super allenata, stava affrontando il combattimento inaugurale della stagione agonistica. Ma non era certo la prima volta che saliva sul ring».

Immediati la sospensione del combattimento e l’intervento del medico che segue le gare. Dopo i primi accertamenti, è stato disposto il trasferimento d’urgenza di Francesca all’ospedale di Chieti. Vista la gravità del quadro clinico e la necessità di procedere con un intervento, l’atleta è stata trasferita nel più grande ospedale di Pescara dove in serata è entrata in sala operatoria. Resta da capire se l’episodio sia legato o meno al combattimento.

La notizia è piombata a Mestre nel tardo pomeriggio: il maestro di Francesca, Adriano Favaro, (sostituito a Chieti dal tecnico Matteo Bragato) e il tecnico Alberto Favaro sono immediatamente partiti verso l’Abruzzo, così come la mamma e la sorella dell’atleta. Tra i compagni di allenamenti e i suoi amici in serata è iniziato il tamtam: tutti fanno il tifo per Francy perché possa rialzarsi da questo ko.

 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro