Quotidiani locali

Via al sondaggio per la scelta del nome

In ballo 4 alternative per il centro che nascerà dall’unione tra i due Megliadino, Saletto e Santa Margherita d’Adige

MEGLIADINO SAN FIDENZIO. Atesia, Borgo Veneto, Fiumana o Quattroville. Potrebbe essere questo il nome del nuovo "super Comune" che nascerà dalla fusione di Megliadino San Fidenzio, Megliadino San Vitale, Saletto e Santa Margherita d'Adige. Le quattro proposte nei prossimi giorni saranno sottoposte ai 9 mila cittadini delle quattro municipalità, chiamate a compilare un questionario dedicato proprio al processo di aggregazione.

La fusione. L'idea di unire i quattro Comuni è stata formalizzata ufficialmente l'estate scorsa, quando i quattro consigli comunali hanno approvato con voto unanime l'affidamento dell'incarico per uno studio di fattibilità sulla fusione ad un'équipe di docenti dell'Università di Padova. Il Comune che ne nascerebbe avrebbe una popolazione di 9 mila abitanti (il più popoloso è Saletto con 2.749 abitanti) e una superficie di 50 chilometri quadrati (il più esteso è Megliadino San Fidenzio con 15,71 chilometri quadrati). Oltre ad unire Comuni molto simili, rappresenterebbe la quarta municipalità più popolosa della Bassa padovana.

Spiegano i sindaci coinvolti nell'iniziativa: «La fusione rappresenta un'occasione storica che ci permetterebbe di avere una serie di vantaggi. Ai Comuni che si fondono di loro iniziativa lo Stato e la Regione erogano finanziamenti straordinari, che nel nostro caso ammonterebbero a circa 10 milioni di euro in dieci anni per il nostro futuro Comune. Nella nuova realtà comunale rimarrebbero aperti gli sportelli e i servizi presso gli attuali municipi, ma la gestione sarebbe unica, e sarebbe garantita la rappresentanza delle nostre comunità in un unico consiglio comunale, che avrà un'identità plurale». Tre di questi Comuni (l'eccezione è Saletto, uscito nel 2006), dal 2001, già condividono un'esperienza di unione, quella Megliadina che ad oggi accoglie anche Piacenza d'Adige e Vighizzolo d'Este.

Il questionario. In questi mesi i cittadini riceveranno materiale informativo relativo al percorso di fusione e verranno organizzati incontri pubblici per illustrare i vantaggi concreti che l'operazione porterebbe al territorio. «Il percorso prevede un referendum, a spese della Regione, in cui i cittadini si esprimeranno a favore o contro il progetto di fusione, determinando così in modo democratico le scelte sul proprio futuro», sottolineano i sindaci. Come primo passo, ai cittadini viene chiesto di compilare un questionario esplorativo, che permetterà di raccogliere informazioni e suggerimenti, ad esempio, sul nome del nuovo Comune. Il questionario va compilato entro il 19 marzo e consegnato nelle urne appositamente predisposte negli sportelli comunali, negli ambulatori medici, nelle farmacie, nei centri parrocchiali e patronati. Nel sito del Comune di Megliadino San Fidenzio è possibile anche partecipare ad una parte di sondaggio online.

I nomi. Atesia, Borgo Veneto, Fiumana o Quattroville: sono queste le quattro proposte che verranno sottoposte ai cittadini nel questionario. Atesia richiama il territorio sorto sull'antico letto dell'Adige, Borgo Veneto esprime invece l'identità storica dell'area;

Fiumana è il nome che indica il territorio i cui confini sono delineati a nord e sud dai fiumi Frassine e Fratta Gorzone; Quattroville evoca chiaramente i quattro centri abitati e la presenza di una villa veneta in ogni Comune. Il questionario dà anche la possibilità di avanzare nuove proposte.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista