Quotidiani locali

Vai alla pagina su Omicidio Isabella Noventa
Ginocchio rotto per Manuela Cacco

Ginocchio rotto per Manuela Cacco

Infortunio in carcere per la tabaccaia complice dei fratelli Sorgato

VENEZIA. Manuela Cacco la tabaccaia di Camponogara coinvolta nell’assassinio della segretaria padovana Isabella Noventa insieme ai fratelli Debora e Freddy Sorgato, si è infortunata in carcere alla Giudecca a Venezia nei giorni scorsi, e dovrà sottoporsi ad un intervento chirurgico al ginocchio nelle prossime settimane.

Insomma dovrà uscire dal carcere per questo almeno per un giorno. La donna lo ha spiegato al suo avvocato difensore Alessandro Menegazzo, che in una recente visita ha constatato il problema. «Manuela - spiega Menegazzo- si è infortunata mentre si trovava in carcere ad un ginocchio. Un infortunio del tutto accidentale. Da un primo controllo fatto in infermeria, dovrà operarsi l’arto per rottura legamenti ed altri problemi. Ora si dovrà fissare un appuntamento per l’intervento chirurgico con uno specialista ortopedico».

La Cacco è accusata di omicidio volontario in concorso, occultamento di cadavere, stalking e simulazione di reato per aver fatto finta di perdere il telefonino con cui l’accusa con il Pm Giorgio Falcone sostiene perseguitasse la Noventa Isabella è convinto il pm Giorgio Falcone l’hanno ammazzata insieme Freddy Debora e Manuela nella notte fra il 15 e il 16 gennaio.

Ora tutti e tre hanno scelto il rito abbreviato (che inizierà il 9 maggio, sentenza prevista per il 6 giugno) per chiudere i conti con la giustizia sperando di evitare l’ergastolo.

In tutti questi mesi le indagini sono state difficili e il corpo della povera impiegata non è mai stato ritrovato. Intanto la difesa di Manuela Cacco è intenzionata a non chiedere per ora ne la scarcerazione, nè gli arresti domiciliari, prima del processo con rito abbreviato. (a.ab.)

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista