Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Rifiuti, arriva la raccolta porta a porta alla Guizza

Nuovo servizio per 11 mila residenti dal 1° marzo. Così si completerà l’anello della raccolta rifiuti domiciliare attorno alla città, per 88 mila persone

Anno nuovo, servizio nuovo. Inizia il conto alla rovescia per l’introduzione del servizio porta a porta nella zona nord della Guizza, che scatterà dal prossimo 1 marzo. Sarà infatti distribuito nelle cassette postali delle circa 5 mila utenze interessate, lo starter kit contenente una prima informativa sul nuovo servizio e sulle tappe di avvicinamento. All’interno della busta si troverà una lettera introduttiva multilingue, una brochure informativa sul nuovo servizio, il calendario degli inc ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Anno nuovo, servizio nuovo. Inizia il conto alla rovescia per l’introduzione del servizio porta a porta nella zona nord della Guizza, che scatterà dal prossimo 1 marzo. Sarà infatti distribuito nelle cassette postali delle circa 5 mila utenze interessate, lo starter kit contenente una prima informativa sul nuovo servizio e sulle tappe di avvicinamento. All’interno della busta si troverà una lettera introduttiva multilingue, una brochure informativa sul nuovo servizio, il calendario degli incontri pubblici e la comunicazione sulle iniziative di supporto messe in campo da Legambiente Padova.

Il nuovo servizio porta a porta riguarderà i circa 11mila abitanti (per circa 5mila utenze fra famiglie ed esercizi commerciali) della zona compresa fra il Lungargine Bassanello a nord, via Guasti a est, il confine con il comune di Albignasego a ovest e via Fogazzaro a sud. Questo territorio si omologherà dunque alla forma di raccolta già da diversi anni introdotta nelle fasce sud ed est del quartiere. Come già nelle altre zone di Padova in cui è attivo il servizio, anche alla Guizza le batterie di contenitori stradali saranno sostituite da 5 piccoli bidoni consegnati ad ogni nucleo familiare (in caso di abitazioni singole), condominio o attività economica: uno per il vetro, uno per imballaggi di plastica e lattine, uno per carta e cartone, uno per l’umido organico e uno per il secco non riciclabile.

Ogni giorno della settimana sarà attiva la raccolta di un solo materiale. I cittadini saranno dunque chiamati a esporre su suolo pubblico il contenitore corretto ogni giorno, all’orario richiesto. In linea generale, alla Guizza le modalità del servizio saranno le seguenti.

Oltre all’informazione cartacea, disponibile anche su web all’indirizzo www.acegasapsamga.it/ambiente-padova, sono previsti anche numerosi momenti di incontro e confronto con i cittadini. In particolare, si terranno quattro assemblee pubbliche, secondo il seguente calendario: giovedì 19 gennaio 2017, dalle ore 20.30, sala cinema Porto Astra, via S. Maria Assunta 20; giovedì 26 gennaio 2017, dalle ore 20.30, sala consiliare c.d.q. 4, via Guasti, 12/c; giovedì 9 febbraio 2017, dalle ore 20.30, sala cinema Porto Astra, via S. Maria Assunta 20; giovedì 16 febbraio 2017, dalle ore 20.30, sala consiliare c.d.q. 4, via Guasti, 12/c. Oltre alle assemblee, saranno allestiti fra il 25 gennaio ed il 5 marzo, 10 infopoint sul territorio.

L’obiettivo dell’estensione della raccolta porta a porta è duplice. Da un lato incrementare ulteriormente la percentuale di raccolta differenziata in città, attualmente al 55,3%. In secondo luogo migliorare la qualità di tale raccolta. Infatti, la prossimità garantita dal porta a porta induce generalmente il cittadino a una maggiore attenzione rispetto alle tipologie di rifiuti introdotti nei diversi contenitori, limitando sensibilmente gli errori nei conferimenti. Si tratta di un impegno che AcegasApsAmga cerca di valorizzare il più possibile, dal momento che a Padova la percentuale di rifiuto raccolto effettivamente destinata a recupero è del 95%, come rendicontato nel rapporto “Sulle tracce dei rifiuti”, pubblicato annualmente.