Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Torturarono anziana con ferro da stiro: presi i rapinatori

La signora dice che li aspetta così

Fermati due marocchini, denunciati altri due. Sono i predoni del raid del 20 luglio in un'abitazione a Piacenza d'Adige. I complimenti di Zaia ai carabinieri

ESTE. I carabinieri di Este hanno fermato due immigrati, denunciandone altri due, per la violenta rapina del 20 luglio scorso a Piacenza d'Adige ai danni di due anziani, torturandone uno con un ferro da stiro incandescente per farsi dare i codici del bancomat.

Secondo quanto si è appreso sarebbero tutti marocchini con vari precedenti alle spalle e irregolari in Italia.

La coppia, di 87 e 86 anni, era stata sorpresa nel sonno da tre banditi che hanno minacciato con un coltello l'uomo rov ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE. I carabinieri di Este hanno fermato due immigrati, denunciandone altri due, per la violenta rapina del 20 luglio scorso a Piacenza d'Adige ai danni di due anziani, torturandone uno con un ferro da stiro incandescente per farsi dare i codici del bancomat.

Secondo quanto si è appreso sarebbero tutti marocchini con vari precedenti alle spalle e irregolari in Italia.

La coppia, di 87 e 86 anni, era stata sorpresa nel sonno da tre banditi che hanno minacciato con un coltello l'uomo rovesciandogli poi addosso un mobile e infine legandolo assieme alla moglie. Quest'ultima invece è stata torturata con un ferro da stiro incandescente per convincerla a dare il pin della tessera bancomat.

L'anziano ricoverato dopo la rapina a Piacenza d'Adige

I COMPLIMENTI DI ZAIA. «Tre efferati delitti risolti in brevissimo tempo. La collana di successi dei Carabinieri si allunga. Per il crimine è stata un'estate calda ma, se tanto mi dà tanto, per i delinquenti si profila un autunno infuocato di altre stangate». Con queste parole, il presidente della Regione del Veneto esprime i suoi complimenti e la sua gratitudine, «credo interpretando - dice - i sentimenti di tutti i veneti per bene», per alcuni nuovi successi fatti registrare dall'Arma. «Preso l'assassino della prostituta rumena uccisa a Verona il 28 agosto scorso - dice Zaia - presi due marocchini e denunciate altre due persone perché responsabili dell'orrenda rapina del 20 luglio a due anziani di Piacenza d'Adige, uno dei quali ferito persino con un ferro da stiro; e si è poco fa appreso di un terzo successo investigativo in Veneto (l'arresto di tre persone per la rapina ad Arcugnano, nel vicentino ndr), ancora una volta contro autori di rapine in abitazione». «Presi - conclude Zaia - un verbo che è sinonimo di vittoria, sicurezza, legalità, di quello che la gente chiede a gran voce. Si pensi solo per un momento se, oltre alla loro professionalità, abnegazione, fatica, Carabinieri e Forze dell'Ordine tutte fossero anche dotate degli uomini e mezzi necessari e sufficienti per alzare ancora di più l'asticella nella caccia ai delinquenti».