Quotidiani locali

Tutti contro San Fidenzio e Bandini

Oggi nel vallo il fantino tenta il tris, vigilia col botto: Casale rimpiazza il recordman “Voragine” Chiti con Raffero

MONTAGNANA. Sarà l’anno del Bandini-tris? Sicuramente sarà il primo senza “Voragine” Chiti. Gli spunti non mancano per questa quarantesima edizione del Palio dei 10 Comuni, una sorta di “edizione della maturità” per il nuovo corso inaugurato ormai quattro anni fa dal presidente Fiorenzo Greggio. Il Palio di Montagnana, si sa, si identifica in modo particolare con la corsa dei cavalli che si correrà a partire dalle 15.30 nel vallo della Rocca degli Alberi. Il Comune da battere resta Megliadino San Fidenzio, che arriva da due vittorie di fila sempre firmate da Claudio “Batticuore” Bandini, vero eroe fidentino dopo i spumeggianti finali delle ultime edizioni. Bandini correrà nella prima batteria di qualificazione, che vedrà scendere in campo anche Mattia Chiavassa (Merlara), Angelo Torosani (Montagnana), Fabio Zancanella (Megliadino San Vitale) e Nicola Barison (Santa Margherita d'Adige).

Nella seconda batteria toccherà invece a Jacopo Pancini (Urbana), Marcello Pinna (Saletto), Fabio Ferrero (Castelbaldo), Fulvio Canducci (Masi) e Tiziano Raffero (Casale di Scodosia). Quest'ultimo, in particolare, prende il posto di Alessandro “Voragine” Chiti, recordman di vittorie al Palio montagnanese ma reduce da turbolente edizioni, tra sorpassi inaspettati al fotofinish, spiacevoli squalifiche e l'inevitabile giornata di cori ad personam dei 100%animalisti, che anche oggi saranno presenti in presidio a pochi metri dal campo di gara. «Dispiace rinunciare ad un fantino di rilievo come Chiti» si limita a confermare Achille Saoncella, presidente del comitato di Casale di Scodosia «La scelta è stata tecnica ed è stata compiuta dalla scuderia a cui facciamo da sempre affidamento, anche se sicuramente la testa calda del fantino ha pagato. Ripartiamo con Raffero e siamo fiduciosi». Le ultime undici edizioni sono state letteralmente dominate da due Comuni, Megliadino San Fidenzio (tre trionfi) e Casale di Scodosia (quattro), mentre non sono ancora stati scolpiti nell'albo d'oro i nomi dei Comuni di Saletto e Megliadino San Vitale, che tenteranno oggi l'assalto alla storia con la prima vittoria in carriera. Al Comune vincitore andrà il Palio dipinto quest’anno da Giampaolo Milani, padovano di Battaglia Terme. Prima della finalissima si correrà anche la tenzone dei gonfaloni,

altra gara che ha avuto tre dominatori assoluti dal 1999 ad oggi: Urbana (tre vittorie, tra cui quella del 2015), Merlara (ben cinque) e soprattutto Santa Margherita d'Adige (sette). Verranno inoltre premiati ufficialmente i vincitori delle tenzoni che si sono tenute nel mese scorso.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista