Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Buco Padova Tre interrogatori serrati e maxi acquisizioni

ESTE. Acquisizione di documenti e interrogatori. Viaggia a ritmo serrato l’indagine della Guardia di Finanza in merito al buco da 30 milioni della Padova Tre e le Fiamme Gialle stanno cercando di...

ESTE. Acquisizione di documenti e interrogatori. Viaggia a ritmo serrato l’indagine della Guardia di Finanza in merito al buco da 30 milioni della Padova Tre e le Fiamme Gialle stanno cercando di dipanare una matassa che non è affatto facile riportare alla linearità. Il nuovo cda si trova come benvenuto un’inchiesta che potrebbe essere una mazzata non indifferente per il futuro della società a responsabilità limitata che ha sede ad Este. Già oggi il nuovo presidente dovrebbe far visita alla ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

ESTE. Acquisizione di documenti e interrogatori. Viaggia a ritmo serrato l’indagine della Guardia di Finanza in merito al buco da 30 milioni della Padova Tre e le Fiamme Gialle stanno cercando di dipanare una matassa che non è affatto facile riportare alla linearità. Il nuovo cda si trova come benvenuto un’inchiesta che potrebbe essere una mazzata non indifferente per il futuro della società a responsabilità limitata che ha sede ad Este. Già oggi il nuovo presidente dovrebbe far visita alla sede, incontrare i dipendenti, presentarsi. Ovvio che il clima non sia dei migliori, ma a questo punto l’importante è ripartire e cercare di farlo rimanendo con i conti in positivo. Dimenticando il passato, anche se quei soldi da qualche parte dovranno uscire. Quel che emerge in tutta la sua criticità anche agli investigatori è come si possa essere arrivati ad accumulare un passivo così ingente. In procura nessuno parla, c’è il massimo riserbo, l’inchiesta è in corso e c’è molto da fare. La mole di carte da analizzare è grande. L’unico Comune in aperta polemica con Padova Tre è quello di Piove di Sacco che, in tempi non sospetti - o per lo meno non drammatici come gli attuali - si è fatto redigere un piano finanziario da Sesa, saltando di fatto l’accordo con Padova Tre. La Finanza sta spulciando attentamente i Piani economici finanziari e sta cercando di valutare il comportamento di alcuni Comuni, tipo Barbona, rimasti fuori per scelta dal Consorzio e dalla gara unica. C’è stata solo una cattiva gestione commessa da politici non all’altezza o c’è stata una malafede con qualcuno che si è arricchito sulle spalle della comunità? L’indagine sarà lunga e non sarà terminata entro l’anno. Si slitterà al prossimo anno.