Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Critiche alla nuova piazza Bonaldo: «Il centro morirà»

CAMPODARSEGO. «Il salotto buono ci può stare ma senza far morire la piazza e la zona centrale del capoluogo, come è successo a Villanova di Camposampiero e Vigonza». Fioccano le critiche al progetto...

CAMPODARSEGO. «Il salotto buono ci può stare ma senza far morire la piazza e la zona centrale del capoluogo, come è successo a Villanova di Camposampiero e Vigonza». Fioccano le critiche al progetto della nuova piazza da parte dell’architetto Gastone Bonaldo, noto professionista campodarseghese. «Decreta la definitiva morte del "centro storico", senza risolvere alcuna problematica della viabilità esistente e senza alcuna esaltazione dei luoghi e delle loro funzioni» è il giudizio di Bonaldo, ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPODARSEGO. «Il salotto buono ci può stare ma senza far morire la piazza e la zona centrale del capoluogo, come è successo a Villanova di Camposampiero e Vigonza». Fioccano le critiche al progetto della nuova piazza da parte dell’architetto Gastone Bonaldo, noto professionista campodarseghese. «Decreta la definitiva morte del "centro storico", senza risolvere alcuna problematica della viabilità esistente e senza alcuna esaltazione dei luoghi e delle loro funzioni» è il giudizio di Bonaldo, che ha partecipato alla presentazione pubblica da parte della Giunta Patron. «Nessuno studio generale della viabilità è stato eseguito da esperti dell'organizzazione del traffico e delle sue intersezioni. Il prevedere solo 20 posti auto al posto degli attuali 55 farà morire quelle poche attività che formano la parte vitale della quotidianità. I parcheggi non saranno nemmeno sufficienti per i servizi pubblici esistenti quali la farmacia, il municipio, la chiesa, le due banche».

Anche eliminare il marciapiede con la cortina di alberature, realizzato una decina di anni fa per separare la piazza dall'ex strada statale, a Bonaldo sembra «illogico e irrazionale» in quanto, in caso di manifestazioni, bambini e pedoni sarebbero a diretto contatto con il traffico della strada. «Istituire a senso unico via Caltana occupando metà della carreggiata per ricavare alcuni parcheggi sarà antifunzionale e caotico» è poi il giudizio del professionista «Non ultimo lo storico mercato settimanale andrebbe a morire ed è strano il silenzio della categoria». Infine una protesta: «Un progetto di questa dimensione e valenza va condiviso con i cittadini prima della sua approvazione e non illustrato dopo». (g.a.)