Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Scoppia la rivolta dei cittadini contro la nuova rotonda

PONTEVIGODARZERE. Motivati, arrabbiati e, più di tutto, preoccupati. In pochi giorni sono già un centinaio i no alla rotonda di Pontevigodarzere, il fagiolo bis pensato dal sindaco leghista Massimo...

PONTEVIGODARZERE. Motivati, arrabbiati e, più di tutto, preoccupati. In pochi giorni sono già un centinaio i no alla rotonda di Pontevigodarzere, il fagiolo bis pensato dal sindaco leghista Massimo Bitonci. (Nella foto: traffico a Pontevigodarzere).

Pronto il contrattacco, allargato anche a Vigodarzere e Cadoneghe: volantinaggio per informare la cittadinanza e raccolta firme per dire no tanto al rondò quanto allo stadio al Plebiscito.

Motore del dissenso il Comitato Al Ponte (che ha già la su ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PONTEVIGODARZERE. Motivati, arrabbiati e, più di tutto, preoccupati. In pochi giorni sono già un centinaio i no alla rotonda di Pontevigodarzere, il fagiolo bis pensato dal sindaco leghista Massimo Bitonci. (Nella foto: traffico a Pontevigodarzere).

Pronto il contrattacco, allargato anche a Vigodarzere e Cadoneghe: volantinaggio per informare la cittadinanza e raccolta firme per dire no tanto al rondò quanto allo stadio al Plebiscito.

Motore del dissenso il Comitato Al Ponte (che ha già la sua pagina Facebook cliccatissima), coordinato da una residente, Lucia Lazzaro.

«Abbiamo chiesto a tecnici privati di valutare il progetto e il risultato è stato scioccante», riferisce la signora Lucia, «secondo i periti la rotonda sarà molto più invasiva per la viabilità del quartiere. Rischiano tutta via Pontevigodazrere, il parco “piazzetta Vanzan”, unico polmone verde del rione, una fetta del parcheggio del campo sportivo, i rioni Castagnara, Villa Laura, Isola di Torre e in generale Padova Nord».

Risultato? «Addio alla sicurezza di pedoni e ciclisti», tuonano i residenti della zona di Pontevigodarzere, «dai disegni siamo riusciti a intravedere appena due passaggi pedonali, uno sul ponte e l’altro alla fine di via Pontevigodarzere; più traffico e più smog». Chi abita a Pontevigodarzere da più di venti anni ricorda un progetto simile: «allora», riferisce Lucia, «mamme e bambini s’incatenarono agli alberi. Oggi la rivisitazione di Bitonci è addirittura peggiorativa e siamo pronti a tutto per impedire questo scempio».

«Nessuno ci ha interpellati e questo è anti democratico», aggiunge la portavoce, «tanto più che abbiamo delle soluzioni per aiutare la questione traffico, se il sindaco volesse ascoltare. Questo progetto, al contrario, è andato direttamente in Giunta, bypassando il Consiglio comunale».

Elvira Scigliano