Quotidiani locali

verona

Premio Masi la cerimonia e la firma sulla botte

Il Premio Masi celebra sabato pomeriggio i vincitori della sua 34esima edizione, e aggiunge così al palmares e al legno delle sue botti i nomi e le firme di Elisa (foto in alto), Massimiliano Alajmo...

Il Premio Masi celebra sabato pomeriggio i vincitori della sua 34esima edizione, e aggiunge così al palmares e al legno delle sue botti i nomi e le firme di Elisa (foto in alto), Massimiliano Alajmo (foto in basso), Carlo Rovelli, Giuseppe Martelli e la Marina Militare italiana nella persona del suo Capo di Stato Maggiore, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi. Tre come sempre le sezioni nelle quali il premio è articolato: Civiltà Veneta, Grosso d’Oro Veneziano e Civiltà del Vino. Elisa Toffoli - in arte Elisa - artista originaria di Monfalcone, è stata scelta dalla giuria per «l’universo emotivo espresso dalla sua musica e per la sua autenticità artistica». Massimiliano Alajmo è stato premiato per aver indagato sulla tradizione culinaria veneta dove, secondo lo chef: «la cucina deve spogliarsi dell’inutile per ritrovare la stessa innocenza che il bimbo ha nel raccontare il suo mondo». Carlo Rovelli riceverà il Premio per la «capacità di coniugare il rigore della fisica teorica con la sua divulgazione al largo pubblico». Il Grosso d’Oro Veneziano sarà conferito alla Marina Militare italiana nella persona dell’Ammiraglio Giuseppe De Giorgi,

Capo di Stato Maggiore «per aver contribuito a diffondere un messaggio di cultura nel mondo, generando quella comprensione tra i popoli che si sviluppa in solidarietà, progresso civile e pace». Tutti i vincitori apporranno secondo tradizione la loro firma alla botte nella cantina Masi.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I VINCITORI DEL CONTEST

ilmioesordio, quando il talento ti sorprende