Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Visite guidate all’Arcella in chiesa e in moschea

L’Arcella multietnica conquista i padovani, e non solo: domenica scorsa, grazie al progetto Urban Seeds (promosso dall’Associazione Studenti Universitari insieme ad una rete di associazioni locali)...

L’Arcella multietnica conquista i padovani, e non solo: domenica scorsa, grazie al progetto Urban Seeds (promosso dall’Associazione Studenti Universitari insieme ad una rete di associazioni locali) una quarantina di visitatori di ogni età e provenienza ha partecipato a una visita “turistica” attraverso il quartiere, con tanto di guida. L’iniziativa, che in altre occasioni era stata realizzata come strumento d’integrazione, è stata aperta alla partecipazione di tutti. Al primo tour c’erano p ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

L’Arcella multietnica conquista i padovani, e non solo: domenica scorsa, grazie al progetto Urban Seeds (promosso dall’Associazione Studenti Universitari insieme ad una rete di associazioni locali) una quarantina di visitatori di ogni età e provenienza ha partecipato a una visita “turistica” attraverso il quartiere, con tanto di guida. L’iniziativa, che in altre occasioni era stata realizzata come strumento d’integrazione, è stata aperta alla partecipazione di tutti. Al primo tour c’erano padovani, magrebini, nigeriani, cittadini dell’Est Europa e del Medioriente. E il successo è stato tale che è già in programma il bis, per l’11 aprile. La visita prevede diverse tappe: prende le mosse dal cuore dell'Arcella, passando per la chiesa di Sant'Antonino, per concludersi infine alla moschea di via Bernina. Durante il tragitto, ad ogni partecipante viene consegnato un piccolo ornamento: il Martenitza, accessorio bulgaro tradizionalmente indossato a marzo per dare il benvenuto alla primavera, diventa per l'occasione una vera e propria decorazione urbana, segno visibile del passaggio dei visitatori. Il progetto Urban Seeds prevede un carnet di iniziative, volte a valorizzare la realtà padovana, eterogenea e ricca di risorse, contribuendo alla creazione di nuovi spazi di incontro e condivisione. (s.q.)