Quotidiani locali

Celibato e pedofilia, torna don Sante con un libro scandalo

L'ex prete di Monterosso che ebbe un figlio e si innamorò di una donna scrive un secondo libro con pesanti accuse alla "Chiesa delle ipocrisie"

PADOVA. Un libro che non mancherà di far discutere. Perché affronta argomenti "scottanti" come pedofilia e celibato nella chiesa. Ma soprattutto perché scritto da uno dei protagonisti della storia che alcuni anni fa sconvolse la piccola comunità di Monterosso, vicino a Abano: don Sante Sguotti, il prete che si innamorò di una donna ed ebbe un figlio. Per questo fu ridotto allo stato laicale.

Don Sante, fin dai primi anni di seminario, si è sempre distinto per le sue posizioni critiche e ha così intrapreso un percorso di smarcamento dalla «Chiesa delle ipocrisie», dimostrando nei fatti che un parroco con moglie e figlio può dedicarsi alla vita pastorale con più intensità, passione, tempo, efficacia e maturità spirituale di tantissimi suoi confratelli obbligati al celibato.

Nel suo primo libro, “Il mio amore non è peccato” (Mondadori, 2007), l’autore ha messo nero su bianco la propria esperienza di vita portando sotto i riflettori una battaglia personale che continua ancora oggi. Il celibato obbligatorio per i prelati e la piaga della pedofolia del clero sono due fenomeni indissolubilmente legati: «Perché maltrattare i preti sposati e proteggere i preti pedofili? Questo è quello che è stato fatto».

Don Sante ne è certo, e in queste pagine esprime un punto di vista unico, cioè

quello di un prete che, camminando a fianco della sua gente, raccoglie le confidenze più inconfessabili e getta uno sguardo molto realista sull’affettività-sessualità dei suoi confratelli. Alla domanda «Chi è il prete pedofilo?», don Sante risponde: «Il miglior prete che si possa immaginare».

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik