Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tentata rapina al vigile, ladro resta in cella

Ucraino patteggia un anno e 8 mesi, ma il giudice lo ritiene pericoloso: era al suo terzo colpo

Ha patteggiato un anno e 8 mesi di reclusione Vitaly Tymoshenko, 35 anni, ucraino, arrestato la notte tra sabato e domenica dalla polizia dopo una tentata rapina ai danni di un agente della polizia municipale che, per nulla intimorito di esserselo trovato di fronte a mezzanotte nel giardino di casa, in via Melan, era riuscito a bloccarlo. Il pm Sergio Dini, titolare del fascicolo ha richiesto è ottenuto dal giudice la custodia cautelare in carcere dello straniero, ritenuto un soggetto perico ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Ha patteggiato un anno e 8 mesi di reclusione Vitaly Tymoshenko, 35 anni, ucraino, arrestato la notte tra sabato e domenica dalla polizia dopo una tentata rapina ai danni di un agente della polizia municipale che, per nulla intimorito di esserselo trovato di fronte a mezzanotte nel giardino di casa, in via Melan, era riuscito a bloccarlo. Il pm Sergio Dini, titolare del fascicolo ha richiesto è ottenuto dal giudice la custodia cautelare in carcere dello straniero, ritenuto un soggetto pericoloso. Tymoshenko (giudicato ieri con rito direttissimo) infatti è stato condannato in via definitiva ad 1 anno e 5 mesi per un furto in casa accaduto nel 2008; successivamente è stato arrestato per un furto il 30 dicembre 2012 per il quale è stato condannato a 5 mesi il 13 gennaio scorso. Per il pm, l’ucraino, residente a Campodarsego in via Frattina, ha continuato compiere scorribande notturne senza troppi problemi.

Tymoshenko aveva già forzato una finestra della casa, ma non aveva fatto i conti con la prontezza e la determinazione del padrone di casa, Stefano De Lorenzi, agente ventottenne della Municipale. L’uomo, visto il ladro ha tentato di bloccarlo, ma Tymoshenko lo ha minacciato dicendogli «se non mi lasci andare ti ammazzo». C’è stata una colluttazione e l’ucraino dopo aver colpito l’agente è riuscito a fuggire. Ma De Lorenzi non si è perso d’animo, l’ha rincorso e bloccato chiamando nel contempo il 113. I poliziotti sono arrivati praticamente subito, gli hanno dato man forte, stringendo le manette ai polsi del malvivente. Se il padrone di casa fosse arrivato dopo un quarto d’ora si sarebbe trovato l’abitazione svaligiata. Gli investigatori sospettano che l’uomo, che non risulta abbia un lavoro, si sia mantenuto commettendo altri furti, rimasti impuniti. (c.bel.)