Quotidiani locali

Il vestito del China Ingross lo vende la boutique del centro / FOTO

Acquista un abito da Paranà, nell’etichetta c’è partita Iva e indirizzo di una ditta di corso Stati Uniti: «Ho speso 199 euro, dai cinesi costa 8 euro». La titolare del negozio: «Preso a Parigi, ci hanno truffato»

PADOVA. Lo stesso identico abito. Uno esposto nella vetrina di Paranà, rinomata boutique del centro, al prezzo di 199 euro, l’altro appeso al manichino di uno dei tanti stand del Centro Ingrosso Cina, al prezzo di 8 euro. A cambiare solamente la fantasia e i colori, ma non perché il centro cinese non l’avesse mai avuto ma, come dice lo standista dagli occhi a mandorla, «quelli con le mongolfiere sono andati a ruba».

dd

Lo stesso vestito. La titolare di Paranà d’altro canto mette le mani avanti e dice di aver comprato il capo a Parigi e di non essere mai entrata all’ingrosso cinese di corso Stati Uniti. Il caso è nato dalla segnalazione di un attento consumatore, che dopo aver comprato un grazioso abito estivo, celeste e con una fantasia a mongolfiere, nel prestigioso negozio di via Santa Lucia a 199 euro (scontato) ha pensato bene di leggere l’etichetta interna e ci ha trovato scritto: “made in China”, un numero di partita Iva e l’indirizzo corso Stati Uniti Padova.

«L’abito non aveva alcun marchio né cartellino, c’era solo una piccola e unica etichetta interna cucita alla stoffa, il ché mi ha fatto insospettire. Sono andata a controllare nel sito dell’Agenzia delle Entrate e dopo un po’ di ricerche, tramite la partita Iva, sono riuscita a risalire al titolare: il proprietario di un’attività all’interno del Centro Ingrosso Cina» racconta l’acquirente che non si è voluta fermare qui. «Sono andata personalmente al centro cinese e dopo aver girato vari stand ho trovato il mio vestito, cambiava solamente la fantasia e i colori, appeso ad un manichino all’entrata di uno dei tanti box».Incredula la compratrice ha controllato l’etichetta cucita internamente all’abito: “made in China”, stesso identico numero di partita Iva del suo, e stesso identico indirizzo, corso Stati Uniti Padova.

La differenza di prezzo. Una sola sostanziale differenza: il prezzo. Se infatti da Paranà l’abito costava ben 199 euro, cifra in linea con i prezzi del negozio, al Centro Ingrosso Cina costava appena 8 euro l’uno, 40 euro per uno stock di cinque pezzi. La consumatrice non ha esitato a informare del fatto le autorità competenti. «Ho contattato il settore attività produttive e commerciali della polizia municipale e la Federconsumatori per fare presente l’episodio. Mi sono chiesta quanti articoli di quelli esposti in quel negozio vengano dal centro cinese di corso Stati Uniti e quanti no, anche perché mi sono accorta che tanti altri abiti erano senza marca e cartellino».

Il negozio in centro. La titolare di Paranà, di contro, sembra non capacitarsi del fatto increscioso. «Quell’abito l’ho comprato personalmente a Parigi, all’interno della famosa fiera d’abbigliamento “Tranoi”, presso la ditta “Nevada”, ed ho anche le fatture con cui posso dimostrarlo», afferma Annalisa Marchioro, la titolare del negozio. «Ritirerò immediatamente l’abito dalla vendita e approfondirò senza dubbio la cosa.

Siamo noi i primi a essere stati ingannati».

In tal caso resterebbe da capire cosa ci facesse un abito con l’etichetta riportante l’indirizzo e la partita Iva di un qualsiasi stand del Centro Ingrosso Cina di corso Stati Uniti alla rinomata e internazionale fiera di moda parigina.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I VINCITORI DEL CONTEST

ilmioesordio, quando il talento ti sorprende