Menu

le testimonianze

«Quell’Eurostar è quasi nuovo non può essersi guastato»

CAMPOLONGO MAGGIORE. «Ho sentito un gran botto, siamo usciti e abbiamo visto l’aereo che si era schiantato sulla massicciata della ferrovia sulla linea Mestre – Adria». A spiegarlo, ancora colpito...

CAMPOLONGO MAGGIORE. «Ho sentito un gran botto, siamo usciti e abbiamo visto l’aereo che si era schiantato sulla massicciata della ferrovia sulla linea Mestre – Adria». A spiegarlo, ancora colpito dagli avvenimenti, è Gelsomino Penazzo che risiede in via Giare a una ventina di metri dal campo in cui si è schiantato l’ultraleggero con a bordo Renato Franco e la moglie Lucia Battistella. I due sono conosciuti anche al campo da volo di Campolongo Maggiore, che si trova poco distante da via Giare, che qualche volta frequentavano. Subito dopo lo schianto, avvenuto alle 19.30, si è formato un capannello di curiosi che osservavano le operazioni di soccorso di pompieri e carabinieri della Compagnia di Chioggia . Sul posto appena saputa la notizia è arrivato anche Adriano Fiorin il titolare del campo da volo “la Fattoria” dal quale ieri mattina erano partiti i due coniugi per fare un giro con l’aereo. Un giro che è durato tutta la giornata. «I due», racconta Fiorin, «quando sono partiti hanno messo anche i giubbotti salvagente e con ogni probabilità stavano tornando da un giro in Croazia». Fiorin e altri esperti aviatori dei campi di volo di Codevigo e Campolongo escludono che si possa essere trattato di un guasto meccanico del mezzo, visto che l’aereo era seminuovo e il tipo di veivolo, un Eurostar, uno dei più affidabili nel campo degli ultraleggeri.

«È stato sicuramente un errore umano o un malore», dice Fiorin. «Non si può spiegare altrimenti. Renato è un esperto pilota con tantissime ore di volo. Non credo abbia voluto atterrare in quel punto: l’impatto dell’areeo con la massicciata è stato micidiale per la povera Lucia». (a.ab)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro