Menu

maltrattamenti

Poco cibo e acqua sporca al cane: denunciato un 42enne

SOLESINO. Acqua putrida come abbeveraggio, rimasugli di cibo per sfamarlo, un ambiente malsano come casa. Condizioni, queste, che sono costate una denuncia a I.J.V.D., messicano di 42 anni,...

SOLESINO. Acqua putrida come abbeveraggio, rimasugli di cibo per sfamarlo, un ambiente malsano come casa. Condizioni, queste, che sono costate una denuncia a I.J.V.D., messicano di 42 anni, incensurato, residente a Ferrara ma di fatto domiciliato a Solesino. Il quarantaduenne è stato denunciato per maltrattamento di animali dai carabinieri di Fiesso Umbertiano (Rovigo) e segnalato all’autorità giudiziaria di Rovigo. I militari hanno raccolto la segnalazione di un cittadino, che accusava il sudamericano di tenere un cane (nella foto) in condizioni pietose. I carabinieri hanno voluto verificare di persona la situazione denunciata: l’animale, un cane di razza meticcia di media taglia, era infatti “detenuto” un casolare di campagna a Pincara, in via Ghirardini, sempre nel Polesine. Qui il messicano di Solesino veniva saltuariamente. Il cane era sprovvisto di recinto e degli idonei ripari, e per dissetarsi aveva solamente acqua sporca e putrida. Il suo cibo, poi, era rappresentato da qualche crocchetta sparsa qua e là. Le sue condizioni erano quelle di un evidente abbandono. Una situazione ben al di sotto dei limiti di tolleranza: la denuncia verso lo straniero è stata infatti automatica. Il reato di riferimento è l’articolo 544 ter del codice penale. Il cane è stato recuperato dal personale veterinario

dell’Usl 18, che ora si prenderà cura di lui fino a che non saranno ripristinate condizioni decorose per poter vivere in quel casolare. I carabinieri hanno inoltre prescritto che il podere venga delimitato da un recinto per garantire l’incolumità di residenti e passanti. (n.c.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro