Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Passi carrai, si cerca un accordo a Roma

CODEVIGO. Il comitato “Vittime Anas passi carrai” a Roma nella sede ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si è riunito qualche giorno fa il tavolo di lavoro istituito secondo quanto...

CODEVIGO. Il comitato “Vittime Anas passi carrai” a Roma nella sede ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si è riunito qualche giorno fa il tavolo di lavoro istituito secondo quanto previsto lo scorso gennaio dalla Legge di Stabilità. Il suo scopo è arrivare finalmente alla composizione del contenzioso insorto tra l'Anas e i rappresentanti del Comitato e che riguarda l'adeguamento dei canoni per i passi carrai di cittadini e imprese che risiedono fuori dai centri abitati, lungo le ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CODEVIGO. Il comitato “Vittime Anas passi carrai” a Roma nella sede ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Si è riunito qualche giorno fa il tavolo di lavoro istituito secondo quanto previsto lo scorso gennaio dalla Legge di Stabilità. Il suo scopo è arrivare finalmente alla composizione del contenzioso insorto tra l'Anas e i rappresentanti del Comitato e che riguarda l'adeguamento dei canoni per i passi carrai di cittadini e imprese che risiedono fuori dai centri abitati, lungo le strade di pertinenza Anas. Tutto è iniziato nel 1998 quando l’Anas, sulla base della legge 449/97 per l’adeguamento dei canoni, ha unilateralmente introdotto nuove tabelle e a nuovi coefficienti di calcolo che hanno comportato aumenti discrezionali degli importi in bolletta che sono arrivati all’8 mila per cento, estesi anche agli arretrati degli ultimi cinque anni. Al tavolo di lavoro partecipano i rappresentanti del ministero, dell’Anas e del Comitato, con il compito di raggiungere un accordo fra le parti entro i prossimi sei mesi. Accordo che il ministro Maurizio Lupi auspica possa andare incontro, con ipotesi migliorative dell'attuale situazione, alle aspettative dell'utenza. «La prima riunione è stata conoscitiva», ha commentato il presidente del Comitato, Pierangelo Gardenal, «ed è stata importante per iniziare a discutere e verificare le intenzioni della controparte. Il nostro obiettivo è l'eliminazione della tassa e la revisione sostanziosa dei pregressi, con base di calcolo i valori del 1997 aumentati del 150% e indicizzati inflazione». Il Comitato, nella sua veste di interlocutore con iscritti da tutta Italia, ha chiesto un intervento di riduzione dei pregressi, l'eliminazione dei canoni almeno nell'impostazione attuale, portandoli sulla fiscalità generale, magari con un regime transitorio a canoni calmierati secondo parametri concordati. Il prossimo incontro è fissato per il 18 giugno.

Alessandro Cesarato