Menu

«Insisteva il sacrestano e io volevo farla finita»

La drammatica testimonianza di una delle vittime degli abusi sessuali Il sindaco di Urbana era stato informato: i carabinieri lo hanno sentito

URBANA. «È successo spesso, anche se a me non andava di farlo, ma lui insisteva... Andavo a casa sua quasi tutti i pomeriggi... Mi aveva fatto giurare che non ne avrei mai parlato con nessuno... È vero: una volta ho detto che volevo buttarmi sotto un treno e farla finita. E tutto questo perché non riuscivo più a svincolarmi di fronte alle sue continue pretese... Voleva vedermi a tutti i costi, non ero più libero nelle scelte... Angiolino era diventato troppo oppressivo... Spesso pretendeva di fare cose... Ho sempre rifiutato certe pratiche».

Ecco un passo della drammatica testimonianza della più piccola fra le vittime (classe 2001) dell’ex sacrestano Angelo Rizzo, 81 anni di Urbana, finito agli arresti domiciliari per violenze sessuali plurime e aggravate nei confronti di tre minorenni. L’inchiesta – coordinata dal pubblico ministero padovano Francesco Tonon e affidata ai carabinieri della stazione di Casale di Scodosia – è a un punto cruciale. Tre le vittime accertate (nate rispettivamente nel 2001, appunto, nel 1997 e nel 1990), una quarta è quella che ha dato il via all’indagine: è un ragazzo del 1988 che, il 30 giugno scorso, si è presentato nella stazione dell’Arma di Casale insieme al padre per parlare con il comandante. E per denunciare le violenze sessuali subite dal sacrestano. Violenze accadute ben 13 anni prima: tutto coperto dalla prescrizione. Ma gli inquirenti hanno subito messo sotto controllo il telefono di Rizzo. Ed è emerso che non si erano fermati gli appetiti sessuali dell’anziano nei confronti dei bambini. Anzi, gli inquirenti temono che ci siano altri fatti, mai venuti alla luce. Rizzo, infatti, è stato sacrestano nella parrocchia di San Bellino, a Padova, fino al 1999.

La testimonianza della piccola vittima è agghiacciante: dopo la perquisizione dei carabinieri, il 23 aprile scorso, Rizzo chiama il bambino dicendogli che, se qualcuno lo avesse contattato, non doveva dire nulla di quanto aveva fatto con lui. E l’indomani lo invita di nuovo a casa sua, quando la moglie non c’è, per un “incontro”. Un incontro durante il quale, come sempre, guarda con la sua vittima un film pornografico e poi abusa. Scrive il gip Mariella Fino nell’ordinanza che dispone gli arresti domiciliari: «Rizzo dimostra una spiccata e durevole propensione a rapporti omosessuali con bambini che lusinga con piccoli doni e irretisce con la visione di filmati pornografici, iniziandoli a una vita sessuale non spontanea... Pur allontanato dagli incarichi in parrocchia, continua a perseverare nei suoi comportamenti illeciti». Angelo Rizzo teneva una sorta di “diario”, annotando giorno e ora degli incontri, conservando i pizzini scritti a mano che poi “traduceva” in sms inviati alle sue vittime e custodendo pure le ricevute delle ricariche telefoniche con cui “pagava” le prestazioni. «Oggi vieni, non c’è mia moglie...» si legge, e ancora: «Come va a scuola? Buon pomeriggio, a stasera alle 10.30». Il 12 aprile i carabinieri hanno sentito il sindaco di Urbana, Marco Balbo, come persona informata sui fatti. Il primo cittadino ha raccontato che, un mese prima, la catechista G.F. lo aveva informato di quanto appreso da una ragazza: un suo amichetto (la vittima più piccola) le aveva espresso il desiderio di suicidarsi sotto un treno. Era un bambino con problemi familiari che frequentava la casa di Rizzo. Il sindaco ha ammesso che lui stesso aveva visto il ragazzino entrare nell’abitazione dell’allora sacrestano intorno alle 16. E che aveva sentito voci sulle strade tendenze sessuali

dell’uomo: «Ho informato le assistenti sociali» aveva concluso ai carabinieri. Domani, davanti al gip, l’interrogatorio di garanzia di Rizzo che è ai domiciliari solo per ragioni anagrafiche: non è consentito il carcere dopo i 70 anni, se non in casi eccezionali come l’accusa di omicidio.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro