Menu

Click dopo 4 minuti, niente soldi

Polverara resta senza finanziamento del ministero per strade ed edifici comunali

POLVERARA. Polverara è rimasto fuori dalla graduatoria dei Comuni ammessi al finanziamento del primo programma 6.000 campanili del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il Comune perde dunque l’opportunità di finanziare con un contributo statale di quasi un milione di euro la sistemazione degli edifici pubblici, delle strade e delle reti telematiche del territorio. Soldi che il Comune, evidentemente, contava di portare a casa, tanto che la lista degli interventi era stata inserita nel piano delle opere pubbliche a soli cinque giorni dalla chiusura del bando.

I 100 milioni di euro stanziati a favore del programma dal “decreto del fare” sono andati bruciati in appena due minuti. Il meccanismo adottato per l’assegnazione dei fondi è quello del “click day”, ovvero un procedimento che premia la velocità dei partecipanti, in questo caso i Comuni con una popolazione inferiore ai 5 mila abitanti. I fondi sono stati assegnati in base all’ordine cronologico di arrivo delle richieste, inviate in via telematica al sito dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) fino all’esaurimento del contributo. L’amministrazione, il 24 ottobre scorso, data fissata per l’invio delle domande, non ha perso tempo e ha fatto partire la richiesta alle 9.04. Presto, considerato l’apertura del bando alle 9, ma troppo tardi per reggere l’agguerrita concorrenza dei 3.600 Comuni italiani che hanno inoltrato la domanda alle 9 in punto, alcuni senza perdere neanche un secondo. Sono stati 115, in tutto, i progetti finanziati. Tra questi anche quelli di otto Comuni veneti, di cui due della Provincia di Padova (Barbona e Sant’Elena). «Siamo dispiaciuti che un paio di minuti di ritardo abbiamo reso vano il lavoro svolto con tanto impegno e la possibilità

di realizzare a breve termine importanti lavori come l’asfaltatura delle strade e la revisione e il potenziamento dell’illuminazione pubblica» il commento del sindaco Sabrina Rampin, «ma non rimarremo immobili, cercheremo altri bandi finalizzati alla realizzazione di progetti analoghi».

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro