Menu

Giovane imprenditore girava con un arsenale

I carabinieri gli hanno trovato nell’auto pistola, pallottole, storditore elettrico coltelli, manganello, manette e tesserini falsi. E il Viagra da vendere agli amici

VILLAFRANCA PADOVANA. Armato come se andasse in guerra; pistola, manette e paletta come se fosse un carabiniere. Ma non lo era. Un giovane imprenditore di Villafranca dovrà rispondere di una sfilza di reati per essere stato fermato dai carabinieri (quelli veri) con la macchina (e anche la casa) piena di armi e tesserini falsificati. La spiegazione? Essendo imprenditore, voleva sentirsi sicuro. Perché in mezzo all’armamentario ci fosse pure una boccetta di Viagra, non è dato sapere. Domenica sera il giovane, B.B., 27 anni, incensurato, viene fermato in via Firenze a Villafranca a bordo della sua Audi A5. I carabinieri di Limena controllano i documenti e pure l’abitacolo e da lì spunta di tutto. Per prima cosa il giovane aveva attaccata al cinturone una pistola calibro 22, con tanto di proiettili; regolarmente detenuta, per carità, ma per uso sportivo. E lui, invece, ha dichiarato di essere appena uscito di casa per andare al bar con gli amici, mica al poligono di tiro.

Insieme alla pistola sono spuntate fuori due manette, una paletta in uso ai carabinieri, tre distintivi di vari corpi di forze dell’ordine, abbinati a falsi tesserini dell’Arma, ma con tanto di foto sua e di nome e cognome. Ecco pure uno storditore elettrico, un manganello-torcia, due penne-laser, bombolette di spray urticante, diversi coltelli. Aveva pure una boccetta con un liquido trasparente (i carabinieri l’hanno portata ad analizzare in caso contenesse la famigerata Gbl, la cosiddetta “droga dello stupro”) e una boccetta con del Viagra. Ma mica per uso suo, ma per venderla a qualche amico. A casa, dove vive con i genitori (che non si sono scomposti più di tanto alla vista dei militari) aveva pure due lampeggianti. Tutti attrezzi in vendita, ma solo alle forze dell’ordine.

Come ha fatto a procurarseli? Dovrà dirlo al giudice, cui dovrà anche rispondere di porto ingiustificato di arma propria e porto illegale di arma, detenzione di documenti in uso alle forze dell’ordine e commercio senza autorizzazione di sostanze mediche.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro