Menu

Calcio e musica, le passioni di Rosante

Con la fidanzata Gloria si esibiva anche al karaoke, con gli “11 gradi” aveva partecipato al Festivaleste

OSPEDALETTO EUGANEO. «La vita è troppo corta per permettersi di essere infelici». Questo era il motto di “Rusa”, che lui stesso aveva scelto per la sua pagina Facebook. Una massima che Matteo ha messo in pratica davvero: centinaia di ragazzi della Bassa l’avevano conosciuto per le passioni a cui dedicava tanto del suo entusiasmo, il calcio e la musica. Cantante e chitarrista, era anche autore di molti testi della sua band, gli “11 gradi”, formazione nata nell’estate del 2006: dopo l’esordio con la partecipazione al Festival di Saint-Vincent, avevano calcato i palchi di tutto il Veneto, compresi molti locali della Bassa e il Festivaleste. Ma “Rusa” era conosciuto anche come cantante di karaoke, insieme a Gloria. «Ci era capitato di dividere il palco» ricorda il collega Cristian Bruscagin «a volte andavo alle sue serate e lui alle mie, si faceva qualche canzone insieme. Era una persona estremamente intelligente e acuta, sempre positivo e disponibile, mai sopra le righe. Sapeva stare in mezzo alla gente e trovava sempre una buona parola per tutti». «Orgogliosi di aver condiviso il palco con te per dare forza a quello che è il nostro sogno comune, la musica. Ti ricorderemo

con la tua chitarra acustica in mano e il rock nel cuore» lo saluta la band degli UncleDog. Decine i messaggi di cordoglio su Facebook: ieri i suoi amici hanno deciso di ricordarlo pubblicando nel proprio profilo la sua foto con la maglietta degli “11 gradi”. (f.se.)

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro