Quotidiani locali

La Questura: «Intervento complesso, necessaria l’azione degli agenti»

Il comunicato della Questura di Padova che spiega perché è stata necessaria l’azione di forze per prelevare il bambino di 10 anni da scuola

PADOVA. Riceviamo e pubblichiamo la nota diffusa dalla Questura di Padova sull’azione che è stata effettuata nell’Alta Padovana su un bambino di 10 anni conteso dai genitori:

«Nella mattinata di mercoledì 10 ottobre veniva data esecuzione ad un provvedimento della Corte d’ Appello – Sezione minori di Venezia che aveva disposto l’ allontanamento del minore dall’ ambiente materno, affidandolo in via esclusiva al padre con collocamento in una comunità. L’ intervento è stato eseguito presso la scuola in quanto i tentativi esperiti in passato presso la casa materna e dei nonni non avevano avuto l’ esito sperato perché il bambino si nascondeva alla vista degli assistenti sociali e del personale sanitario intervenuti.

Considerato che la Corte d’ Appello ha recentemente rigettato un ricorso finalizzato alla sospensione del provvedimento presentato dalla madre, anche su indicazione del consulente della corte d’ appello è stato individuato il plesso scolastico quale luogo ritenuto neutro e, quindi, idoneo all’ esecuzione.

L’ intervento ha comportato notevoli difficoltà per la reazione del bambino e l’ opposizione energica di alcuni

familiari della madre che cercavano di impedire al padre di condurre il minore alla comunità individuata. Si rendeva, pertanto, necessaria l’azione di supporto dei poliziotti intervenuti come previsto dalla citata ordinanza. L’ autorità giudiziaria è stata informata dei fatti accaduti».

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare