Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Le neve "sfiora" Padova: treni in tilt, nella Bassa 15 scuole chiuse

Presidi delle forze dell’ordine ai caselli, camion dirottati in statale ed è caos. Nella Bassa la situazione peggiore: scuole chiuse in 15 comuni. Il meteo: previste temperature ancora in calo, resta l’incubo ghiaccio

Al di là delle immagini sempre belle dell’Isola Memmia imbiancata dalla prima neve dell’anno ciò che resta di ieri è il ricordo dell’ennesima giornata da bollino rosso per pendolari e camionisti. Stavolta il problema non sono stati i vagoni di Trenitalia o gli aumenti delle tariffe autostradali, ma le abbondanti nevicate in Emilia che hanno isolato Bologna dal resto d’Italia sotto il profilo autostradale e ferroviario. Il risultato è da crisi di nervi per chi s’è ritrovato coinvolto. Caselli ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Al di là delle immagini sempre belle dell’Isola Memmia imbiancata dalla prima neve dell’anno ciò che resta di ieri è il ricordo dell’ennesima giornata da bollino rosso per pendolari e camionisti. Stavolta il problema non sono stati i vagoni di Trenitalia o gli aumenti delle tariffe autostradali, ma le abbondanti nevicate in Emilia che hanno isolato Bologna dal resto d’Italia sotto il profilo autostradale e ferroviario. Il risultato è da crisi di nervi per chi s’è ritrovato coinvolto. Caselli padovani dell’A13 (Terme Euganee, Monselice e Boara) interdetti al traffico pesante verso sud, svincoli verso Bologna dell’A4 chiusi . E blocco qa

Ma non solo: treni impazziti da e per Bologna con ritardi di oltre 5 ore, se non cancellati. E pullman sostitutivi dei treni che si sono infilati nel traffico già in tilt per la presenza di camion lungo la Statale 16 Adriatica (a Due Carrare è dovuta intervenire ieri sera la Protezione civile per aiutare camionisti e viaggiatori in transito bloccati per ore lungo le strade comunali. Solo la città è stata risparmiata: la prevenzione voluta dall’assessore Micalizzi (10 mezzi spargisale in azione 150 quintali di sale sparsi su sottopassi trade e rotatorie) è servita e i vigili urbani non hanno registrato disagi superiori ad una normale giornata invernale. E oggi si rischia il bis: le previsioni prevedono temperature ancora più basse e ghiaccio sulle strade (anche se non neve). Tanto che 15 Comuni della Bassa (altri servizi alle pagine 27-28-29) hanno deciso di tenere chiuse le scuole.

TRENI IN TILT. Per capire la portata dei disagi per viaggiatori e pendolari basta ricordare ciò che riportava il display della stazione ieri alle 19,30. FrecciaRossa Roma-Padova delle 16,03 cancellato (dopo aver accumulato 255’ di ritardo); Eurostar Roma-Padova delle 17,03 cancellato; Intercity da Napoli delle 16,16 340 minuti di ritardo; Eurostar delle 18,03 Roma-Padova 240 minuti di ritardo. Perfino un treno da Milano per Padova (quello delle 19,05) a causa delle nevicate in Piemonte ha accumulato due ore di ritardo.

CARABINIERI AI CASELLI. Che fosse una giornata particolarmente difficile ieri lo si è capito subito: la Polstrada ha deciso di interdire il traffico pesante verso Bologna sulla A13, chiudendo i caselli padovani verso sud e gli svincoli della A4. Ieri in Prefettura in un vertice le autorità hanno deciso di tenere presidiati i caselli (carabinieri in quelli dell’A13, polizia e vigili per A4) fino ad oggi per impedire ai mezzi pesanti di entrare. Pattuglie dei carabinieri sono rimasti tutta la notte a vigilare perché i tir non entrassero in A13.

CAOS A DUE CARRARE. Il risultato di questa scelta è stata la quasi totale paralisi della viabilità a Due Carrare dove lunghe file di tir usciti al casello di Terme Euganee hanno velocemente intasato la viabilità ordinaria. Ieri sera un pullman sostitutivo partito dalla stazione di Padova è rimasto bloccato a Mezzavia per quasi un’ora. L’assessore provinciale alla Protezione Civile Mauro Fecchio ieri sera ha deciso di aprire la sala operativa per dare man forte ai volontari che hanno cercato di soccorrere autisti di tir e automobilisti bloccati al freddo all’interno dei propri mezzi.

SCUOLE CHIUSE. Molti sindaci della Bassa vista la quantità di neve caduta e le strade non perfettamente agibili hanno deciso di chiudere le scuole dell'obbligo dei loro comuni. Scuole chiuse dunque a Monselice, Este, Arquà Petrarca, Pernumia, Boara Pisani, Ponso, Piacenza d'Adige, Ospedaletto, Carceri, Baone, Cinto Euganeo, Tribano, Santa Margherita d'Adige, Pozzonovo e San Pietro Viminario. Scuola aperte ma sospeso il servizio di scuolabus invece a Anguillara.