Menu

veggiano

«Lamentele sospette di Minchio»

Il sindaco Lazzarin replica sull’allargamento della zona artigianale

VEGGIANO

«Non vedo niente di negativo nel fatto di assicurare a una azienda in crescita la possibilità di trasferirsi e ampliarsi. Tanto più che attualmente ha sede in una zona poco idonea, al centro del paese, e i cittadini continuano a lamentarsi».

Non tarda ad arrivare la risposta del sindaco Anna Lazzarin alle richieste del suo ex vicesindaco Francesco Minchio di soprassedere all’allargamento della zona artigianale e industriale Ceresone, arrivando proprio a ridosso dell’argine.

«L’azienda in questione lavora carpenteria metallica pesante – prosegue il sindaco – per preparare le gru e i ponteggi per le piattaforme petrolifere. Gode di ottima salute e intende ampliarsi, ma rimanere nel territorio di Veggiano. L’unica area disponibile che soddisfi le loro necessità è quella a ridosso dell’attuale zona artigianale, in quanto in quella più ad ovest, verso Vicenza, i due o tre lotti disponibili non sono in vendita ma in affitto. Il Svap è la norma che permette ai comuni di andare incontro alle necessità degli imprenditori e quindi non vedo perchè opporsi. In ogni caso – continua il primo cittadino di Veggiano – sarà la conferenza dei servizi composta da vari enti territoriali, dai vigili del fuoco e dal genio civile a decidere, poi si porterà il tutto

in consiglio comunale».

«Le lamentele di Minchio – conclude Lazzarin – potrebbero essere il frutto della vicinanza della sua abitazione con il lotto in questione, quindi non propriamente dirette a fare l’interesse della cittadinanza».

Sergio Sambi

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro